Resta in contatto

News

João Pedro: “Di Francesco vuole più di 20 gol. Cagliari città speciale”

L’attaccante del Cagliari João Pedro è intervenuto questa sera nel programma televisivo Videolina Sport

Aver raggiunto Oliveira (45 reti in A, secondo) è un traguardo importante, perché coinvolge un grande protagonista. Sono felice, perché con lavoro e senza pensieri specifici sono arrivato a queste cifre: un onore essere vicino ad alcuni grandi del passato rossoblù“.

Il mercato fa parte del gioco, tutte le volte escono tante notizie. Ma la mia testa è sempre stata qui. Vogliamo tutti fare bene in questa stagione, la strada è quella giusta“.

Abbiamo avuto poco tempo per lavorare prima dell’inizio dell’annata, Mister Di Francesco pretende tanto a livello tattico. Dobbiamo migliorare, però la squadra c’è e siamo forti. Non possiamo concedere nulla o quasi agli avversari“.

Mi do la sufficienza per la prova di oggi. Di Francesco ci sta facendo lavorare molto per migliorare gli automatismi, in particolare in fase difensiva. In Serie A i rischi di essere puniti per gli errori sono molto alti. Dal punto di vista collettivo è necessario migliorare: pur segnando 4 gol, come oggi, non va bene andare in difficoltà fino all’ultimo“.

Il cambio di modulo è avvenuto perché l’allenatore non ci vedeva al meglio con il 4-3-3. C’è grande dialogo e ci siamo intesi subito, mi chiede tanto ma è notevole pure il suo aiuto. Non mi sono ritrovato solo io a mio agio, anche i compagni“.

Non era il mio ruolo… quello di esterno sinistro nel tridente, ma ero tranquillo perché sapevo sarebbe stato necessario comunque del tempo. Sono più vicino alla porta e posso dare di più alla squadra, stiamo vincendo ed è la cosa più importante“.

La prima cosa che mi ha detto Di Francesco è che non vuole 18 reti come l’anno scorso: vuole che superi i 20 gol. Desidero riuscirci. Con Simeone ci capiamo con uno sguardo, è stato così anche per l’assist per il secondo gol di oggi“.

Tatticamente il calcio è cambiato tanto, difficile trovare un’unica motivazione per spiegare perché oggi sembra si segni di più. Il Var? Ci siamo abituati, forse oggi il mio gol senza Var sarebbe stato annullato anni fa“.

Pavoletti è stato ed è ancora importante, allo stesso modo di Simeone: grandissima intesa con entrambi e mi piacerebbe vederci insieme contemporaneamente. Il campionato è lungo, si verificherà in futuro qualche occasione perché si realizzi“.

Mi trovo benissimo a Cagliari e so quanto questa città sia speciale per me. L’ho sentito soprattutto nei momenti più difficili e ho sempre dato il massimo per il Cagliari, anche sbagliando. Sono contentissimo, anche di arrivare fra 3 gare a quota 200 presenze. Diventare il capitano di un club del genere è un onore, una responsabilità e mi dà grande carica“.

Arrivare in Europa non sarà semplice, significherebbe che dai primi posti dovrebbero restare fuori club più attrezzati di noi. Puntiamo a salire il più in alto possibile, con equilibrio e cercando sempre di giocarcela. Tutto dipende da noi“.

I miei cambi di ruolo? Ormai mi sento un attaccante a tutti gli effetti. Vicino alla porta mi trovo bene, dopo aver fatto la mezzala per diversi anni“.

 

33 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "ha solo seguito gli ordini del presidente: RETROCEDERE"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News