Resta in contatto

Rubriche

Meteore rossoblù – Antonio Aloisi

Poche presenze, ma buona partecipazione nella cavalcata Uefa della stagione 1993/94. Questo è il brevissimo ritratto del difensore proveniente dal Torino

Enzo Francescoli saluta la Sardegna dopo aver deliziato il pubblico rossoblù per tre stagioni. Lascia in eredità la Coppa Uefa conquistata con una cavalcata straordinaria assieme ai vari Cappioli, Matteoli, Moriero, Festa ed in panchina il grande Carletto Mazzone.

Il patron Massimo Cellino lo cede al Torino che, assieme alla cifra economica concordata, inserisce nel “pacchettoAntonio Aloisi. Di professione difensore centrale, è già in possesso di una buon a esperienza in serie A e tra le sue peculiarità ci sono grinta e capacità di giocare il pallone.

Il suo inizio, però, è da dimenticare: Bruno Giorgi lo schiera titolare nella gara di esordio in Europa contro la Dinamo Bucarest e l’attaccante Viorel Dinu Moldovan lo ridicolizza in più di una circostanza. Ergo il rumeno realizza una doppietta in pochi minuti.

Per sua “fortuna” il Cagliari passerà indenne il turno di Coppa, ma è indubbio che qualcosa nel ragazzo non va. Anche i tifosi sentono profumo di cosiddetto “pacco”. Ma grazie alla sua tenacia ed al lavoro sapiente dell’indimenticabile tecnico di Pavia, Aloisi si riprende e contribuisce con 8 gettoni al buon campionato della squadra.

Non solo: dopo l’esordio negativo si riprende pure in Coppa Uefa. Gioca una gran partita sotto la neve di Mechelen contro il Malines, limitando il grande attaccante Czerniatynski a cui concede il goal del pareggio, ma solo a causa di uno scivolone.

Al termine della stagione sono diverse le operazioni in uscita che opera Cellino, e tra queste c’è pure la cessione di Aloisi al Cesena che chiuderà la sua esperienza in Sardegna dopo solo una stagione, ma di certo vissuta intensamente.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Questo sondaggio in questo complicatissimo momento lo vedo veramente utile....dovremmo fare propaganda parlando solo ed esclusivamente della partita..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche