Resta in contatto

News

Posticipo Serie A. Hellas Verona e Genoa non si fanno male: al Bentegodi è 0-0

Non tante occasioni durante la sfida ma a farsi preferire è stata la squadra di Maran anche se i veneti hanno sfiorato la rete con Faraoni quasi nel finale

Al Bentegodi l’ultima gara della quarta giornata tra Hellas Verona e Genoa, finisce 0-0. Alla fine un punto che accontenta certamente molto più gli ospiti, che i veneti. Bella prova dei liguri che, tra la gara non giocata causa Covid in casa del Torino e la pausa nazionali, non scendeva in campo dal 27 settembre scorso.

IL CONFRONTO. Fase attendista per entrambe le squadre. Al 20’ Pandev serve  Rovella con i tempi giusti,  ma Ceccherini è straordinario a chiudere la linea di passaggio in scivolata davanti a Silvestri. Brivido un minuto dopo dall’altra parte,  quando Perin sbaglia uno stop nella propria area di rigore ma corregge contrastando Favilli in scivolata, perde l’attimo buono per siglare.  33’: Ghiglione imbecca Pandev verso il portiere dei veneti, tiro potente ma centrale, palla in angolo deviata con i pugni e 0-1 sfiorato. Al 41’  Perin alza sopra la traversa il pallone sul colpo di testa di Favilli, davvero pericoloso. L’arbitro Rapuano di Rimini manda le due squadre all’intervallo, dopo 1’ di recupero.

Nella ripresa ci si attende una squadra di casa più arrembante. Al 12’ errore di Badelj, che favorisce Colley, Perin non si fa sorprendere. Prova ad aumentare la pressione l’undici di Maran, che si propone al 21’ cross interessante di Ghiglione  per Scamacca, il quale non arriva per un soffio alla deviazione vincente. Bel palleggio da parte dei liguri, che diventano più offensivi con gli ingressi di Behrami, Eboungue e Parigini. Fondamentale intervento (35’) di Faraoni su Scamacca, pronto a battere a rete. Proprio Faraoni di testa trova Perin alla gran parata al 39’, e gol evitato. Quattro i  minuti di recupero, che le due squadre hanno per vincere. Ma non accade più nulla e la contesa si chiude 0-0.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News