Resta in contatto

Rubriche

SPAL-Cagliari: le pagelle rossoblù di Calcio Casteddu

Stiliamo le pagelle dei protagonisti rossoblù del match appena concluso al Mazza tra SPAL e Cagliari

OLSEN: VOTO 7. Rileva Cragno come titolare, non compie parate di nota nel primo tempo. Blocca un destro di Cionek (46°) e un mancino lento di Petagna (60°). A 6 dalla fine compie un autentico miracolo su Cerri, che salva il risultato.

WALUKIEWICZ: VOTO 6. Non se la cava male in controllo su Strefezza, che sovrasta come corporatura. Gioca a testa alta e si sgancia in un paio di occasioni. Si addormenta però nel finale, quando Olsen salva su Cerri: un rischio enorme.

PISACANE: VOTO 6. Viene abbattuto da Strefezza, in modo piuttosto doloroso. Alla fine anche da Missiroli. In mezzo, consueta generosità.

Dal 72° CACCIATORE: VOTO 6. Molto bravo su una diagonale difensiva, dà una mano nell’ultima ventina di minuti.

KLAVAN: VOTO 6. Si limita ai disimpegni, il più possibile puliti e senza frenesia, da terzo di difesa.

MATTIELLO: VOTO 6,5. Prima da titolare con il Cagliari in Serie A. Appoggia l’azione e ogni tanto sale in sovrapposizione per cercare il traversone, con qualità e rapidità che usa pure in ripiegamento. Positivo.

Dal 72° RAGATZU: VOTO 6,5. Guadagna un fallo in ripartenza, poi si prepara bene il tiro: ribattuto. Attivo e propositivo.

NÁNDEZ: VOTO 6,5. Dopo un minuto resta a terra per un pestone di Pisacane alla caviglia sinistra, ma recupera. Almeno inizialmente, però continua a zoppicare. Prende altre botte nel primo tempo. Ammonito. Un leone.

ROG: VOTO 6. Piedi buoni e la giusta dose di fisicità in cabina di regia. Sfiora il gol da fermo, bravissimo Letica a toglierla. Pure lui sul taccuino di Abisso: è autore del tiro dalla distanza che innesca il gol.

IONITA: VOTO 5,5. Prende un giallo meritato (13°), conferma l’impressione di Verona: ovvero, poco lucido e un po’ troppo aggressivo. Si spegne alla distanza.

Dal 66° BIRSA: VOTO s.v.

PELLEGRINI: VOTO 6. In una di quelle giornate in cui si piace, a tratti gigioneggia. Si produce in una volata lungo fascia, qualche pallone spedito in area. Tenta il mancino al volo, fuori di poco (50°).

Dal 66° LYKOGIANNIS: VOTO 6. Chiude bene in scivolata sprintando sul primo pallone giocato.

SIMEONE: VOTO 6,5. Riceve spalle alla porta e smista i rari palloni dalle sue parti. Spara da fuori (55°) senza fortuna. Il gol decisivo al 93° lo riscatta alla grande. E sono 8.

JOÃO PEDRO: VOTO 6,5. Il ritorno di JP10, da capitano. 15 secondi e tira, in modo sbilenco. Cerca lo spunto per movimentare l’azione, manda alto di testa (29°). Serve a Simeone il pallone della vittoria.

Dal 95° CARBONI: VOTO n.g.

ZENGA: VOTO 6,5. In piedi, a bordo campo, prende appunti. Ripropone la disposizione tattica di Verona. Con l’inserimento di Mattiello a destra ottiene due benefici: maggiore copertura e pure un’opzione affidabile in fase propositiva. Buona la compattezza collettiva, più palla a terra. Però… manca sempre la scossa offensiva. La vittoria al 93° è un toccasana autentico.

 

29 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche