Resta in contatto

Approfondimenti

Tanti tifosi allo stadio: scelta vincente giocare il 30 dicembre

La scelta della Lega Calcio, di far disputare l’ultima giornata d’andata del massimo campionato, è stata certamente vincente. I numeri parlano chiaro. Nessuna delle dieci gare sotto i 10.000 spettatori. Il picco, agevolato ovviamente dalla capienza dello stadio, a San Siro per Inter-Lazio, con ben (tra abbonati e singoli biglietti venduti) 61. 852 presenze, mentre, considerato l’orario delle 12.30 per Fiorentina-Milan, con tanti esercizi commerciali aperti, 30.213 spettatori al Franchi non sono pochi. Ovviamente tante le presenze al Bentegodi per Verona-Juventus, ieri alle 20.45. Ad assistere alla sfida quasi 30.000 persone, esattamente 29.215, molti dei quali di fede bianconera.

In 10.200 hanno invece salutato la prima storica vittoria in Serie A del Benevento. Infatti, grazie al gol di Coda, i sanniti hanno battuto il Chievo Verona. Alla vittoria esterna del Cagliari, 2-1 allo stadio Atleti Azzurri d’Italia contro l’Atalanta, hanno assistito in 17.800, circa tremila in meno dei 20.954 che hanno assiepato il Dall’Ara per Bologna-Udinese. Unica nota stonata i 15.000 (tra tifosi granata e rossoblù liguri) per Torino-Genoa.

Infine non male le 11.000 presenze allo Scida con tanto freddo per Crotone-Napoli venerdì sera, e ieri pomeriggio all’Olimpico per Roma-Sassuolo 37.157, considerati gli esborsi non da poco dei tifosi giallorossi per il grande girone di Champions League, e i 19.583 spettatori sugli spalti di Marassi, per Sampdoria-Spal. Come prima volta, non è assolutamente male.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti