Resta in contatto

Approfondimenti

Come cambia il Cagliari con Van der Wiel

La questione terzini è risolta, più o meno. Con Gregory Van der Wiel la fascia destra ora è coperta da un giocatore di fama internazionale, un colpo che alza il tasso tecnico della squadra e il prestigio del club. I dubbi però permangono sulla fascia sinistra. Un Miangue in difficoltà è stato scavalcato da un Capuano poco convincente nelle prime due uscite ufficiali e ora, non appena sarà chiuso l’affare Pavoletti, ci si aspetta che il Cagliari vada su un esterno sinistro last minute.

Per Rastelli intanto c’è la certezza di poter contare su un top player come Van der Wiel a cui saranno affidate le chiavi della fascia destra, riportando Faragò principalmente nel suo ruolo naturale di centrocampista. Padoin dovrebbe essere il suo sostituto naturale, mentre Barella può essere quel tipo di centrocampista che gli garantisce la giusta copertura durante le scorribande offensive.

Sarà un Cagliari molto propositivo sulla destra, con il terzino olandese che si ritroverà spesso a triangolare soprattutto con Cigarini e Barella, in attesa di trovare quella punta capace di sfruttare gli spazi e gli assist provenienti dalle sue incursioni. Tuttavia stiamo parlando di un terzino che ha sempre dimostrato anche buone doti difensive ad alti livelli, una differenza importante rispetto all’ex Isla e all’adattato Faragò. Questa forse è la caratteristica più importante per una difesa che viene dai 75 gol subiti dell’anno scorso.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti