Resta in contatto

News

Rastelli: “Stagione importante e difficile. Cossu? Sappiamo quanto ami questa maglia”

Massimo Rastelli dà il via alla stagione del Cagliari. Il tecnico di Torre del Greco ha parlato da Pejo in conferenza stampa, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla squadra, sui singoli (soprattutto nuovi acquisti), sul modulo e sullo staff.

Oggi ci siamo ritrovati più carichi di prima. Andiamo ad affrontare una stagione importante e difficile.

Abbiamo allargato lo staff perché dovevamo assecondare le esigenze del gruppo, numericamente eravamo un po’ corti. Abbiamo individuato delle figure che ci permettono di fare un lavoro completo a 360°. Faremo lavoro tecnico-tattico al mattino, di pomeriggio lavoro fisico, ma sempre con la palla. Ritmi e intensità saranno maggiori. Questa è l’identità della squadra“.

Sui numeri della rosa: “Non ho mai lavorato con così tanti giocatori. L’ossatura è la stessa dell’anno passato: di nuovi per ora ci sono solo Cigarini e Cossu, che nuovo non è. Domani arriverà anche Andreolli. È ovvio che qualcuno è in uscita, ma ci sarà tempo per scremare l’organico.

Cosa cambia tra Bruno Alves e Andreolli? Sono due giocatori di esperienza. Andreolli è italiano ed è abituato al lavoro tattico del calcio italiano. Viene da un periodo non facile, a Cagliari cerca il rilancio.

Gli infortuni? Piccoli contrattempi che speriamo siano stati smaltiti. Andreolli è un anno che si allena regolarmente, pur non con tantissime presenze. Capuano è stato operato alla caviglia, per il ritiro di Aritzo dovremmo averlo a disposizione. Ceppitelli oggi si allenato regolarmente. Naturalmente lo monitoriamo per evitare ulteriori problemi.

Sulla fascia destra? Work in progress: Ci sono Isla e Padoin. A sinistra puntiamo su Miangue. Anche Capuano e persino Padoin possono giocare a sinistra. Finito il ritiro farò le mie valutazioni e darò indicazioni al direttore sportivo.

Il modulo? Il Cagliari di quest’anno sarà camaleontico. Non cambieranno i principi di gioco e nemmeno il nostro essere propositivi. Naturalmente dobbiamo avere equilibrio per cercare di fare risultato in ogni partita. La base dello scorso anno è ottima. Gran parte degli interpreti della passata stagione sono rimasti. In più ci sono stati degli innesti: Cigarini, Andreolli e magari faremo qualcosina ancora

Sulla difesa a tre: “Non è escluso che qualche partita possiamo giocarla anche così. Ma a noi tecnici non interessano i numeri, bensì l’interpretazione della gara. Il calcio è dinamico“.

Alla domanda su Borriello e sul fattore età che comincia a pesare sull’attaccante napoletano, Rastelli glissa: “Non c’è solo lui: ci sono Farias, Sau, Melchiorri, Giannetti, Joao Pedro, Cossu. Una squadra che ha fatto 55 gol ha un potenziale offensivo importante. A fine ritiro poi faremo le nostre valutazioni.

Cossu? È un giocatore a tutti gli effetti. Viene con grande umiltà a prestare le sue qualità per il Cagliari. Sappiamo quanto ami questa maglia“.

Ionita può ricoprire più ruoli: interno di centrocampo, esterno, trequartista. Durante una stagione dove possono capitare situazioni di mancanze o infortunio è fondamentale sapere di poter contare su un giocatore capace di fare più ruoli“.

Rastelli passa a poi a presentare lo staff: “Nicola Legrottaglie sarà il mio vice e si occuperà della tattica difensiva. David Dei è il preparatore dei portieri. Michele Santoni si occuperà delle esercitazioni tecnico-tattiche, Dario Rossi dei lavori specifici individuali. Agostino Tibaudi sarà il responsabile dell’area fisica e Andrea Caronti del lavoro sul campo. Francesco Fois del recupero infortuni. Marco Cossu alla match analysis”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News