cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Scuffet: ” Mantenere il focus sull’obiettivo salvezza”

Autore di grandi parate, ormai titolare inamovibile il portiere del Cagliari si è concesso in diretta alla trasmissione Dazn Talks

Simone Scuffet è intervenuto all’interno del programma DAZN Talks: dall’emozione dell’ultimo saluto a Gigi Riva al momento della squadra. “Dal mio arrivo a Cagliari la cosa che più mi ha colpito di questa squadra è l’unità e la compattezza del gruppo: chi va in campo lo fa anche per quelli che in quel momento sono stati tenuti fuori dalle scelte iniziali. E chi non parte dall’inizio sa che dovrà farsi trovare prono, perché il suo apporto potrà essere fondamentale. Tutti si sentono coinvolti. Le mie esperienze fuori dall’Italia sono state molto utili: hanno rappresentato tutte delle opportunità di crescita e conoscenza di altri campionati e culture. Ogni campionato e ogni società ha delle peculiarità, soprattutto nel modo di vivere la settimana e il calcio in generale. Non c’è una cosa giusta o sbagliata, sta poi a noi mettere insieme i tutti i lati positivi, arricchendoci sia come persone che come sportivi”.  

RIVA. “Quella appena trascorsa è stata una settimana molto particolare. Purtroppo non ho avuto la possibilità di conoscere di persona Gigi Riva, ma tutti noi sapevamo chi fosse, le sue gesta sportive: quello che è successo nei giorni scorsi ha reso però ancora più chiaro a tutti ciò che ha rappresentato per questa Isola. Parliamo di una leggenda che ha fatto la storia del Cagliari e in generale del calcio italiano. Verrà ricordato per sempre non solo per il calciatore, ma anche per le sue grandissime qualità umane”. 

RANIERI. “Una persona con un’esperienza infinita, prepara le gare in maniera meticolosa, sa leggere le partite: all’occorrenza riesce sempre a cambiare in corsa e a darci in tempo reale delle soluzioni che risultano poi vincenti. Questa è una qualità molto importante perché spesso noi calciatori dal campo non ci rendiamo conto di alcune situazioni di gioco che possono essere migliorate in partita. La gara più bella? Quella contro il Sassuolo, sul colpo di testa di Mateus Henrique, è stata una delle parate più belle di quest’anno. Ero a tu per tu con l’avversario, dovevo chiudere lo specchio della porta. Fortunatamente è andata bene sia per la parata ma soprattutto per il fatto che siamo riusciti a rimontare la partita e a vincerla. Le parate alla fine sono importanti solamente se riescono a portare dei punti alla squadra. La parata più bella sarà quella che farà rimanere il Cagliari in Serie A”.

SALVEZZA. “Ci sono tante squadre coinvolte nella lotta salvezza, ogni settimana si può fare un salto in avanti e quella dopo tre passi indietro. Dobbiamo mantenere il focus sull’obiettivo finale e pensare partita dopo partita. Sicuramente dobbiamo migliorare: ricordo però che a inizio anno ci davano tutti per spacciati, ora abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti. Occorre consapevolezza, determinazione e umiltà”.

Subscribe
Notificami
guest

47 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Avete perso una news o un approfondimento sul Cagliari? Date uno sguardo al nostro riepilogo,...
Il probabile undici rossoblù secondo la nostra redazione...
Ecco i giocatori a disposizione per la gara dell'Unipol Domus...

Dal Network

Gara risolta nel primo tempo dalla compagine di Gilardino. Friulani per quasi tutta la ripresa...
“Abbiamo provato con giocate individuali, ma il problema sono i tre gol su palla inattiva”...
Il quotidiano cartaceo evidenzia in una analisi gli atteggiamenti comportamentali del presidente dei campioni...
Calcio Casteddu