cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ceppitelli: “Il mio viaggio da ‘Benvenuti al sud’. Ad Andria sono diventato uomo”

Il racconto personale di Luca Ceppitelli. I viaggi, la sfera privata, la passione per il cinema e la prima parte di carriera tra Andria e Bari nella seconda parte dell’intervista.

PARLA CEPPITELLI. Da Castiglione del Lago a Cagliari ci passa tutta una vita. Quella raccontata da Luca Ceppitelli, dalla famiglia al campo, dall’amore alle passioni personali, passando per le mille battaglie sul campo, ai microfoni di Cuore rossoblù, il magazine della società Cagliari Calcio.

Ecco le sue parole nella seconda parte dell’intervista (qui la prima parte; qui la terza parte).

IL VIAGGIO.Sono cresciuto tanto e velocemente quando a 19 ho fatto il viaggio tipo “Benvenuti al sud“: dall’Umbria alla Puglia, come nel film. Ho viaggiato con la mia Alfa 147 grigio metallizzato di seconda mano. Carico di valigie e di un po’ di lacrime agli occhi. Quella macchina me la rubarono: mi dissero di non tenerla nello stesso posto per più di tre notti. Ma una trasferta fu fatale…

ANDRIA.Ad Andria sono diventato uomo. Ho trovato persone meravigliose, luoghi incantati, ho vissuto benissimo. Ho scoperto la vita e mi è successo di tutto. Vittorie commoventi, momenti corali, sconfitte terribili finite poi con inseguimenti in auto da parte dei tifosi inferociti, come una volta in cui perdemmo un derby col Barletta. Inseguivano me e l’attaccante, io dovetti fermarmi ma continuarono dritti: volevano lui. E lì imparai una grande lezione sulla vita: mai sbagliare un rigore (ride, ndr)”.

L’ESPERIENZA A BARI. “A Bari trovai Ventura. Un gruppo fantastico, tutti giovani della stessa età e tutti motivati. Si crea un clima per cui daresti tutto per il tuo compagno. La società stava fallendo, eravamo senza stipendi e con un’asta fallimentare in programma. In quel momento drammatico la tifoseria accorse in massa allo stadio a sostenerci. E arrivammo sino alla semifinale play-off. Sono stato anche attore, in un gruppo di ragazzi guidati da Mauro Bucci per realizzare un docudramma sulla squadra“.

OLTRE IL CALCIO. “Ho avuto una storia d’amore importante. Da cui ho imparato molto. Purtroppo anche le cose più belle nella vita finiscono. Ed è finita. Ma non faccio lo sciupafemmine. Ho raggiunto i trent’anni: ho convissuto e mi sono divertito. La prossima storia non deve essere un gioco. Oltre il calcio ho una società di acquisto e ristrutturazione mobili. Risale ai tempi in cui lavoravo con mio padre“.

PASSIONI. “Sono un tipo ordinato e preciso. Amo il cinema. Film preferiti “Titanic” e “Shutter Island”. Amo Leonardo di Caprio e Jim Carrey. Mi piace viaggiare: Stati Uniti, Messico, Giappone, il safari in Africa, Budapest, la Death Valley. Ma soprattutto il Brasile, a Rio vivi un’atmosfera unica. Ero con Sau e ci mettemmo a palleggiare sulla spiaggia, poi si unirono bambini e ragazze“.

Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il cartellino giallo portato a casa durante Inter-Cagliari porta Matteo Prati a raggiungere altri tre...
L'ex difensore del Cagliari Michele Ferri, ritiratosi dal calcio attivo nel 2019, ingaggiato come allenatore...
Tra le pericolanti solo il Lecce ha vinto, facendo suo lo scontro diretto sull’Empoli, mentre...

Dal Network

Un altro indizio con Adriano Galliani protagonista, il futuro del Club si sta delineando sempre...
Il difensore si è accasciato a terra, dopo aver sentito un dolore al petto: l'ivoriano...

Altre notizie

Calcio Casteddu