Resta in contatto

Approfondimenti

Lo strano destino di Marko Pajac a Cagliari

Pajac

Il calciatore croato, arrivato a Cagliari nell’estate 2016, non è mai entrato a pieno titolo nel progetto tecnico rossoblù nell’ultimo biennio. Circostanze o fallimento?

SCOVATO DA CAPOZUCCA. Marko Pajac, classe 1993, fu portato a Cagliari due stagioni fa dall’allora ds Stefano Capozucca. Pajac militava come centrocampista in Slovenia nel Celje. Mancino, fisico longilineo, fu provato brevemente da Rastelli nel ruolo di trequartista senza restarne convinto. Da lì il prestito al Benevento, con la promozione in A e il ritorno a Cagliari. Stessa scena di un anno prima: il giocatore non impressionò lo staff tecnico, per lui si riaprirono le porte della B. Stavolta a Perugia insieme a Colombatto e Han. In Umbria la positiva trasformazione in laterale difensivo mancino, grazie alla quale si è rivitalizzato.

AI MARGINI. Quest’estate, con il cambio di allenatore e l’arrivo in Sardegna di Maran, il giocatore è stato finalmente confermato in rosa e “nominato” quale alternativa al titolare Lykogiannis. Nel precampionato e nelle amichevoli ha fatto valere il suo sinistro preciso e potente, utilissimo nei traversoni e nelle conclusioni in porta. Tuttavia, Pajac non sembra poter concorrere per una maglia da titolare: lo dicono i fatti. Zero minuti disputati in campionato, gli sono stati preferiti due adattati come Padoin e Faragò, non preso in considerazione neppure dopo l’infortunio di Lykogiannis della settimana scorsa. Una brutta botta, senza dubbio, per le aspirazioni del croato. Il quale era ritornato da Perugia con la speranza, in cuor suo, di poter finalmente dimostrare di essere “da Cagliari”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Ma anche ago ma perché non ha messo tre attaccanti subito dal primo minuto doveva essere un assalti ed invece abbiamo visto zavorre scarse senza..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti