Resta in contatto

News

Classifica e scelte tecniche: il momento di Faragò e Romagna

Faragò

L’Unione Sarda si occupa del particolare momento in casa Cagliari, sabato contro il Bologna bisognerà rimettersi subito in carreggiata

POCHI PUNTI. La squadra di Rolando Maran non attraversa un periodo di particolare forma, sia a livello di risultati che di efficacia in alcuni frangenti. Il pareggio colto contro la Sampdoria – con brivido finale e tante grazie a Cragno – e il tonfo a Milano contro l’Inter suggeriscono che finora questo trittico di impegni ravvicinati sia stato avaro di soddisfazioni. La squadra non segna da quasi tre partite complete, dal gol di João Pedro al 4° minuto di Cagliari-Milan. La prima conseguenza la si legge scorrendo la classifica che, per quanto la stagione sia appena cominciata, non sorride ai sardi.

GERARCHIE DIFENSIVE. Anche dal punto di vista delle scelte tecniche effettuate ultimamente, Maran ha poco da sorridere. Contro l’Inter aveva indisponibile Lykogiannis e doveva rifiatare Padoin: naturale quindi affidarsi a Pajac… che evidentemente non ha convinto l’allenatore, il quale ha preferito inventare Faragò da esterno mancino. Il giocatore ha fatto ciò che ha potuto, soffrendo Politano e faticando tanto prima di entrare in partita. L’ex Novara non riesce più a ritrovare il proprio ruolo originale, quello di mezzala, con cui tanto bene aveva fatto in cadetteria attirando il club isolano. Faragò rappresenta un punto interrogativo di questo avvio di stagione. Dubbi non solo sulla corsia difensiva mancina. Al centro sembra sparito dai radar Romagna, che aveva iniziato il campionato da titolare. Insomma, serpeggia un pochino di confusione tra gli addetti ai lavori circa le gerarchie del reparto arretrato, settore importantissimo e delicato di ogni squadra.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Tifosetto da 56 anni, con foto appese nella cantina del vino. A criticare sun bonos tottus ma a fachere sunu in pacos."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News