Resta in contatto

Esclusive

Un caffè con… Stefano Ambu (ANSA)

Una chiaccherata in vista della sfida dei rossoblù con il Torino, con attenzione anche al difficile finale di stagione

È iniziata la settimana che porterà alla partita CagliariTorino. Quest’oggi prendiamo un caffè virtuale con il collega dell’Ansa, Stefano Ambu.

Il Torino è in crisi, ma il Cagliari ha la pessima etichetta di “resuscita morti”. Che partita sarà?
“Ci ritroviamo più o meno nella stessa situazione psicologica dell’andata. Allora l’allenatore era Mihajlović e sembrava per lui l’ultima spiaggia. Bastava un soffio. E invece il Cagliari fece quello che non si deve fare in situazioni come quelle: stare dietro a difendersi. Questa è la maniera migliore per resuscitare i morti.

Anche il Benevento, negli ultimi cinque minuti, ci ha fatto resuscitare. Basta mettere dentro mediani al posto di attaccanti, stare tutti dietro la palla. E prima o poi il gol si prende. Inevitabile. Per fare punti anche contro una squadra tecnicamente più attrezzata bisogna cambiare atteggiamento. Se il Toro è in crisi, meglio aggredirlo”.

Un’eventuale vittoria darebbe ai rossoblù una certa serenità in vista del finale di campionato?
“Una vittoria con il Torino, al di là dell’aspetto matematico della questione, darebbe al Cagliari quella tranquillità che serve nella gestione di certe partite. Sono sicuro che se il Cagliari dovesse giocare bene e vincere con il Torino, avrebbe poi piglio e coraggio giusto per fare quattro punti tra Genova e Verona”.

In caso di salvezza secondo te come dovrebbe comportarsi la società rossoblù in sta del futuro?
“Io penso che sia molto difficile nel calcio di oggi trattenere giocatori come Cragno, Barella, Faragò, Pavoletti e Han. Anche con i contratti lunghi. Di solito si dice che si parte o si riparte da allenatore e dal ds. Qui il nodo è un altro: questi giocatori possono restare? O devono andare via? Io li terrei tutti e intorno a loro correggerei gli errori nella costruzione della rosa commessi in questo campionato.

Ma ripeto: nel calcio di oggi è molto difficile tenere chi, anche giustamente, vuole provare a se stesso di poter giocare per lo scudetto o in Champions. Anche la scelta sull’allenatore dipenderà dalle scelte e dagli obiettivi che la società si vuole dare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Esclusive