Resta in contatto

Approfondimenti

Giocare bene non è sinonimo di calcio champagne

Cosa significa praticare un buon calcio in una piccola realtà e cosa manca al Cagliari di Diego López in questo senso

Quando si legge di un Cagliari che ha giocato male viene quasi automatico pensare che sarebbe un po’ pretenzioso chiedere di giocare un bel calcio ad una squadra con mezzi tecnici limitati. In parte questo è vero, ma c’è un equivoco di base da sfatare: “buono” non è uguale a “bello”.

IL BEL CALCIO. Se parliamo di giocare bene non possiamo non immaginarci subito la pelata e la barba di Pep Guardiola. Le sue squadre sono un inno al bel calcio, dove la tecnica e il controllo della palla vengono esaltati a vantaggio di un gioco fluido ed efficace. Senza andare troppo lontani anche il Napoli di Sarri pratica un bel calcio fatto di fraseggi e verticalizzazioni. Oppure la Sampdoria di Giampaolo, se pur a fasi alterne dovute ai limiti tecnici.

IL BUON CALCIO. Ci sono poi quelle piccole realtà che non possono ambire ad essere belle nemmeno con tutta la buona volontà del mondo. A questa categoria appartengono la stragrande maggioranza dei club, compreso il Cagliari. Queste squadre giocano bene quando nei meccanismi messi in pratica durante le partite è riconoscibile l’impronta dell’allenatore, quando è chiara l’idea di calcio che si vuole adottare e i mezzi con cui la si vuole esprimere.

I ROSSOBLU’. Oggi il Cagliari non è una squadra che gioca bene per il semplice fatto che i giocatori non sembrano avere chiaro come portare avanti la palla. C’è l’idea di aspettare l’avversario e ripartire, ma alla messa in pratica i giocatori riescono a fare solo la prima delle due fasi. Si provano dei lanci lunghi a cercare la sponda di Pavoletti, oppure si tentano dei cross dalle fasce per il centravanti, regalando palla agli avversari il più delle volte. Tutto questo produce un calcio sterile e al limite dell’improvvisazione.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti