Resta in contatto

Approfondimenti

L’atteggiamento è quello giusto, ma le partite durano 90 minuti

Sempre i soliti black out. Il principale problema del Cagliari in questa stagione è sempre la mancanza di concentrazione per tutti i novanta minuti. Con López in panchina la squadra è cresciuta molto sotto l’aspetto mentale, almeno per quanto concerne l’atteggiamento in campo e la voglia di lottare che nelle ultime giornate con Rastelli non si era più vista. I rossoblù scendono in campo sapendo di potersela giocare con chiunque, affrontano sempre gli avversari a viso aperto proprio come nelle intenzioni del suo allenatore.

La squadra segue bene il mister e questo si vede. Purtroppo però continua ad essere soggetta a dei cali di tensione specialmente nel secondo tempo. Il gol del Bologna è frutto di una tripla ingenuità: la prima è che nessuno ha chiuso chiuso Masina lasciandogli tutto il tempo di prepararsi al meglio per il cross, la seconda è la marcatura di Pisacane su Destro e la terza è l’uscita sbagliata di Rafael.

Tre fasi di un’azione che racchiude tutto ciò che è stato il calo del secondo tempo. Sul cross è palese il mal posizionamento dei centrocampisti che si fanno sorprendere dal cambio di gioco operato da Palacio per Masina. Sull’inserimento di Destro il difensore del Cagliari Pisacane è nettamente in ritardo sulla chiusura, mentre Rafael sceglie malissimo i tempi dell’uscita. Quindi errori di posizionamento e scelta dei tempi, tutti campanelli d’allarme che segnalano una squadra poco lucida in campo.

López ha ancora tanto da lavorare sulla tenuta fisica e mentale della squadra, ma i segnali positivi ci sono. Il trio della difesa è stato impeccabile per gran parte della gara e il centrocampo ha fatto buon filtro con Barella e Ionita. Anche Cigarini si è mosso bene in fase di non possesso ma, a parte una bellissima imbucata per Faragò, è mancato nei suoi compiti puri di regista. Prima di giocare contro il Bologna in molti avrebbero firmato per il pareggio, adesso però, per come è maturato questo 1-1, un po’ di amaro in bocca rimane. Maledetti black out.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti