Resta in contatto

Approfondimenti

Ci sono gli ex e poi c’è quello che ci ha provato con tutte

Con Cagliari – Verona alle porte e i tanti doppi ex non poteva che tornarci in mente l’ultima “cassanata”. Una vicenda molto nota e fresca di quest’estate che vale la pena ricordare a pochi giorni dall’importante scontro diretto con gli scaligeri. La pazza storia del “quasi” doppio ex inizia a gennaio 2017 quando, dopo sei mesi trascorsi da separato in casa, Antonio Cassano rescinde il suo contratto con la Sampdoria e resta svincolato. Il barese passa cinque mesi a proporsi attraverso i media a mezza Italia, rifiutando subito la Serie B perchè si sente ancora un giocatore di primo livello. Proprio in cadetteria però individua il Verona come la squadra ideale da cui ripartire con l’amico Pazzini, compagno di scorribande ai tempi della Samp di Gigi Del Neri. I gialloblù sono diretti verso la promozione e Cassano arriva praticamente ad annunciare il suo prossimo arrivo all’Hellas tra l’euforia dei tifosi e lo scetticismo di qualcuno. Mentre l’affare sembra concluso interviene il ds gialloblù Fusco che frena gli entusiasmi: “Se lo prenderemo? Sicuramente no, l’età passa per tutti” dice il dirigente.

Cassano allora vira le sue attenzioni sul Cagliari. L’ormai famosa vacanza a Pula, a stretto contatto con il presidente Giulini, fa volare la fantasia dei tifosi sardi. Così si scatena il tam-tam mediatico e anche in Sardegna scoppia la Cassano-mania tra chi lo vedrebbe bene in rossoblù e chi invece lo da per finito. Il barese si dice innamorato di Cagliari e dei sardi, rilascia interviste e si fa fotografare in città, nel frattempo tenta in tutti i modi di convincere Giulini a stendere un contratto. Si mette in mezzo anche Agostino Tibaudi, suo preparatore personale storico, appena entrato nello staff di Rastelli. Tibaudi fa da intermediario durante la vacanza a Pula ma nemmeno gli allenamenti atletici sotto il naso del presidente smuovono le acque. Ogni tentativo risulta vano e la società chiude ogni ipotesi di trasferimento.

Quando la carriera di Cassano sembra finita ecco rispuntare l’Hellas. A sorpresa arriva il contratto, le due parti si accordano e la vita calcistica dell’ex pibe de Bari può ripartire. Peccato che l’avventura in gialloblù duri meno di un mese. L’attaccante prima decide di lasciare, poi ci ripensa e infine abbandona definitivamente la squadra tra l’imbarazzo generale dei tifosi e soprattutto dei dirigenti. Domenica dunque ci saranno tanti doppi ex da ricordare, ma anche una storia come questa difficilmente verrà dimenticata da tutto il calcio italiano.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti