Resta in contatto

Approfondimenti

Quando Lopez accanto a Pulga esordì vincendo 1-0 a Torino

Miglior auspicio per Diego Lopez, da ieri nuovo allenatore del Cagliari, non ci potrebbe essere. Arrivato accanto a Ivo Pulga (che aveva il patentino di Prima Categoria) l’ex bandiera per tante stagioni, fu fortemente voluto sulla panchina rossoblù dall’allora presidente Massimo Cellino, che gli aveva affidato la panchina della Primavera, al posto dell’appena esonerato Massimo Ficcadenti, dopo l’1-2 a Is Arenas contro il Pescara. Era il mese di ottobre, come lo è oggi, di cinque anni fa: esattamente domenica 7.

All’Olimpico di Torino, per affrontare la squadra granata in quel momento allenata da Giampiero Ventura, si presentava un Cagliari con alcune assenze di rilievo, come quelle di Rossettini, Cossu e Pinilla. Agazzi e compagni avevano raccolto nelle prime giornate appena un punto, ottenuto (sempre alla Is Arenas) contro l’Atalanta, nel match finito 1-1 con due rigori falliti il 2 settembre. Poi seguirono solo sconfitte, compresa quella dello 0-3 a tavolino contro la Roma per le note vicissitudini di quel periodo dello stadio di Quartu Sant’Elena. Contro i granata però arrivò il successo per 1-0, con gol siglato da Nenè e il raddoppio mancato più volte.

Un successo di misura che regalò soddisfazioni a tanti: dalla vittoria che interrompeva un digiuno fatto di 12 partite, i 3 punti lontano da casa che mancavano dal 4 dicembre 2011 (1-0 a Catania con un bel gol di Ibarbo)  e soprattutto la grande rivincita di Diego Lopez. Arrivato da giocatore, nel febbraio del 1998 assieme a Nelson Abejion dal Racing Santander, Lopez non viene praticamente visto da Ventura e il rapporto tra i due non decolla mai.

Domenica ‘Jefe’ torna da allenatore all’Olimpico di Roma contro la Lazio. Un test subito in salita, contro una delle migliori squadre del massimo campionato, capace sabato scorso di battere in trasferta la Juventus. Ma il mister uruguaiano nelle gare d’esordio ha saputo anche stupire, sfiorando la scorsa stagione la vittoria al San Paolo contro un lanciatissimo Napoli, in un match terminato 1-1, solo per il clamoroso errore del portiere dei siciliani Posavec.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Probabile visto che è attaccato al colore dei soldi non certo ai colori rossoblu"

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Ne' Capozucca ne' Giulini. Dove sono finite le promesse e i buoni propositi del Presidente, ha promesso per il centenario la zona uefa invece siamo..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti