Resta in contatto

Approfondimenti

La morte di Anzolin, protagonista di “quel” Juventus-Cagliari

È scomparso nella notte l’ex portiere Roberto Anzolin (a sinistra nella foto, insieme all’ex numero uno rossoblù Colombo), protagonista del celebre Juventus-Cagliari 2-2 del campionato che portò il Cagliari allo scudetto.

Classe 1938, nativo di Valdagno (Vicenza), Anzolin cominciò la sua avventura nel calcio con la casacca del Marzotto. Fu ingaggiato dal Palermo e, dopo un biennio, il grande salto alla Juventus nel 1961. Anzolin vestì il bianconero fino al 1970 vincendo una Coppa delle Alpi (1963), una Coppa Italia (1965) e lo scudetto (1967), totalizzando 230 presenze. Nel 1966 disputò la sua unica gara nella Nazionale maggiore giocando il secondo tempo contro il Messico e fu aggregato da Fabbri come terzo portiere alla sfortunata Rimet inglese. Il campionato 1969-70 si rivelò l’ultimo della sua carriera a Torino. Il 15 marzo ’70 subì la doppietta di Riva – il primo di testa – rischiando di parargli un rigore: Anzolin si tuffò alla sua destra intuendo il mancino di Gigi, riuscendo a toccare la sfera che però scivolò in rete. Il numero uno bianconero si disperò battendo ripetutamente le mani sul terreno. In seguito difese la porta di Lanerossi Vicenza, Monza, Riccione e Casale prima di chiudere dove tutto aveva avuto inizio, al Marzotto della “sua” Valdagno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti