Resta in contatto

News

Rosetti: “Var evita tre errori a giornata. Sarà un calcio migliore”

Episodi visionati: 309 (59% gol, 27% rigori, 14% altro). 288 volte la decisione è stata confermata, in altre 21 occasioni invece l’arbitro ha ammesso il suo errore, “che su sette giornate disputate fanno una media di tre errori evitati a giornata“. Si affida ai numeri Roberto Rosetti, responsabile del progetto Var in Italia, per spezzare molti luoghi comuni e fare il punto, sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, sull’andamento della “moviola in campo”.

Anche i falli di gioco, i gialli e i rossi sono diminuiti. C’è più attenzione da parte dei giocatori, sanno che rischiano di più e limitano alcuni comportamenti. Le proteste sono quasi scomparse, una specie di miracolo in Italia. Ed è da sottolineare pure la serenità dei tifosi allo stadio di fronte a una decisione cambiata con l’aiuto della tecnologia”. Una rivoluzione, anche sulla regolarità dei rigori: “Il protocollo lo prevede se il portiere si muove in avanti in modo evidente oppure se chi calcia segna col doppio tocco, tipo Bacca in Sassuolo-Milan”.

Partite rallentate? Poco o nulla. Prendiamo il gioco effettivo in A: nello scorso campionato è stato 50’ e 19’’ a gara. Basso se confrontato col resto d’Europa. Nelle prime 7 giornate siamo a 51’ e 10’’. Quindi aumentato. Poi se si perde del tempo lo si deve recuperare. Partiamo dal recupero medio di una gara: nella scorsa A è stato 5’ e 17’’, mentre in questo torneo siamo a 5’ 36’’. Anche se sul tempo perso certamente dobbiamo migliorare. Qualcosa è stato già fatto: nelle prime 3 giornate la revisione di un’azione portava via 1’ 22’’ anche per alcuni problemi tecnici avuti ad esempio in Inter-Fiorentina e Inter-Spal. Nei 3 turni successivi siamo scesi a 40’’. Vanno aggiunti 54’’ di media serviti poi agli arbitri per rivedere i replay e prendere la decisione“.

Non tutto è perfetto, però. “Certo, qualche errore è stato fatto (Genoa-Juventus, Bologna-Torino, ecc.) ma si cerca di gestire il tutto la maggiore accuratezza possibile: se le immagini danno una certezza allora si cambia la decisione, altrimenti si lascia la scelta dell’assistente“.

C’è l’appoggio da parte di tutti, Figc, Aia, Lega: “Menzione speciale agli assistenti: in un battito hanno cambiato abitudini lunghe decenni, ora alzano la bandierina in ritardo per permettere alla Var di correggere un eventuale errore e non ripetere il caso di Bologna-Torino. Quindi non fischiateli per questo, semmai applauditeli

E l’Italia sarà sempre in prima fila sulla moviola in campo, parola di Rosetti: “L’obiettivo trasparenza è ben presente. Forse in futuro ci saranno i replay pure negli stadi. Il presidente Tavecchio è stato chiaro: continueremo su questa strada. E come Italia potremmo proporci per testare il guardalinee elettronico, investendo molti soldi. Ci muoviamo in accordo con la Fifa. Non è più ammissibile convalidare un gol irregolare tipo quello della mano di Henry. Il calcio sta cambiando grazie alla tecnologia. E sarà un calcio migliore“.

 

 

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News