Resta in contatto

Approfondimenti

Buona la prima alla Sardegna Arena

L’obiettivo del Cagliari era ritornare a dare del tu alla vittoria per due ordine di motivi: da un lato perché occorreva muovere la classifica dopo i ko rimediati nelle trasferte di Torino e Milano. Dall’altro perché c’era da bagnare nel migliore dei modi l’esordio alla Sardegna Arena. Il Crotone, peraltro, è apparso inerme. Così gli isolani, dopo un primo tempo contraddistinto da una netta supremazia, hanno gestito il risultato nella ripresa senza particolari patemi d’animo (eccezion fatta per il calcio di punizione battuto nel finale da Barberis ndr).

Sau mattatore – Non sappiamo se sia un aspetto legato al fato. Ma il primo marcatore della storia della Sardegna Arena è un sardo doc: Marco Sau. L’attaccante di Tonara, al 33′, segna un goal da centravanti puro. Dopo essere sfilato alle spalle della difesa calabrese, infatti, Sau trafigge Cordaz con un destro chirurgico e con una freddezza degna dei migliori numeri nove. La rete dell’ex Juve Stabia si rivelerà decisiva.

Prestazione incoraggiante – La prestazione della squadra dà seguito alle buone partite maturate nelle due trasferte precedenti alla sfida contro il Crotone. I sardi hanno ben fraseggiato nella metà campo avversaria collezionando oltre il 60% di possesso palla. Ma il possesso può essere un dato fine a se stesso se non è abbinato ad inserimenti e verticalizzazioni. Aspetti che non sono mancati nel match odierno. Anche le prove dei singoli sono state positive: Pavoletti, oltre ad aver avuto un’importante palla-goal, ha corso e fatto salire la squadra. Certo, non è ancora il Pavoletti di Genova ma il tempo è dalla sua parte. Bene anche Barella e Pisacane. Il primo rappresenta ormai una sicurezza nello scacchiere di Rastelli, il secondo sta acquisendo i gradi di leader difensivo.

La critica – Oggi si può muovere un’unica critica alla partita messa in scena dal Cagliari. Joao Pedro e compagni, infatti, hanno la colpa di non aver chiuso la gara. Perché se vero che il risultato non è praticamente mai stato in discussione, è altrettanto vero che la punizione calciata da Barberis nel finale poteva vanificare quanto di buono costruito nell’arco dei novanta minuti.

La pratica Crotone è stata archiviata. Ora sotto con la trasferta di Ferrara ove i ragazzi di Rastelli troveranno la Spal di Leonardo Semplici.

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Lapadula e Pavoletti, staffetta o devono giocare insieme?

Ultimo commento: "Un tempo si giocava a 11 e contro 11. Adesso in 433?"

Poca affidabilità dietro, per i lettori di CalcioCasteddu servono rinforzi

Ultimo commento: "MANDIAMOCI TUTTO IL BATTAGLIONE S,MARCO...O I GRANATIERI DI SARDEGNA ARMATI DI TUTTO PUNTO...COSI LE PARTITE LE VINCIAMO...(QUALCUNA)"

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Allenatore non all'altezza ... come capita sempre del resto nelle scelte di Giulini"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "Giulini drogato, Capozucca il suo pusher"

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Tu ti sei già abituato al mestolo di Giulio, continua a lucidarglielo per bene, mi raccomando."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti