Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… MARIO FRONGIA. Cagliari: quando vincere aiuta a vincere

Sette punti in cinque gare: il bottino della Di Francesco band comincia a piacere. Il Cagliari rispedisce in Calabria un Crotone ostico e a tratti padrone del campo

Dal quarto gol in cinque gare di Simeone, a Nandez e Rog, davvero imprendibili. Il Cagliari si prende i 3 punti con il Crotone ma sbaglia chi pensa sia stata una gita. Il 4-2 fotografa solo in parte l’andamento del match all’ora degli spaghetti. Queste partite, con l’uomo in più per un tempo scarso, vanno chiuse con mestiere, cattiveria e attenzione. Eusebio Di Francesco, sul tema, si è sbracciato a lungo. Però, c’è del buono, specie in prospettiva, nella condotta dei rossoblù. Di certo, un buon viatico per la trasferta di Bologna. Intanto, il tecnico avrà in agenda la sofferenza dietro e i due gol presi in casa contro una neopromossa. Oltre a Cragno magico su Simy in almeno tre occasioni (una, a tu per tu, valeva il 3-3) è parso meno brillante del solito Walukiewicz e Godin, forse condizionato dallo stop fisico patito in settimana e bruciato nell’1-0 ospite, ha mostrato più di un rinvio fuori misura. Nel complesso, una squadra in crescita.

L’idea di gioco, la trama, la convinzione sulle seconde palle, sono roba che viene dal cappello del tecnico. E la miscela non può che migliorare. Così come la condizione. Con Marin parso meno scolastico del solito, il gran gol di Lykogiannis su palla ferma e quello di Sottil, unito al debutto di Ounas (stecca di sinistro di poco alta), sono le indicazioni che segnano l’incontro. Da applausi anche il rientro di Pavoletti, imperioso di testa con il tap in definitivo di Joao Pedro. Nel bouquet segnalazione per l’arbitraggio all’inglese sfoggiato da Di Martino. Bene ma alcuni falli lasciati correre non sono stati il top del fischietto di Teramo. Infine, se ci fossero stati i tifosi delle curve un coretto sarebbe partito di sicuro dopo 2′ del secondo tempo: Cigarini, uno di noi” il ritornello.

LUNA PARK. Cinque reti in 45′ la dicono lunga su approccio, fase difensiva, filtro e seconde palle. Il primo tempo di Cagliari-Crotone dà indicazioni di lavori in corso per Di Francesco e Stroppa. Quest’ultimo, pur con l’exploit con la Juve, guida una neopromossa. Che a tratti mostra coraggio e personalità, specie con il giro palla che passa su Cordaz, in altri momenti palesa troppa frenesia a discapito della precisione della manovra. Con Cigarini pendolo – tecnica pulita ma dinamismo ben noto, comunque ben frenato da Joao Pedro primo filtro e Marin – i calabresi non soffrono più di tanto. Poi, l’ex si fa cacciare. Ma questa è un’altra storia. Gli ospiti chiudono il primo tempo sotto 3-2 ma hanno dalla loro almeno due occasioni pulite (Simy sciupone). I numeri non mentono: i rossoblù cedono agli ospiti possesso palla (37 contro 63), tiri (5 e 9) e passaggi (71 e 125).

Il Cagliari ha capitalizzato meglio e al momento giusto: l’incornata di Sottil, abbastanza anonimo fino ad allora, su cross di Zappa (bene in avanti, deficitario su Reca, dietro) è arrivata una manciata di secondi prima che Di Martino indicasse gli spogliatoi. Intanto, i mille della Sardegna Arena hanno prima sollevato preoccupati gli occhi al cielo per il vantaggio del Crotone, firmato da Messias, con Godin colpevole. Poi, si sono divertiti al pari di Lykogiannis, mancino felpato su punizione da 25 metri, e al vantaggio del Cholito su imbeccata di JP10. In mezzo la sassata di collo di Molina, con Cragno, parzialmente coperto, di sale. Nella ripresa l’accelerata. E adesso, testa agli emiliani di Mihajolovic.

NOTARELLE A MARGINE. Filip Bradaric saluta Cagliari e il Cagliari per l’ennesima volta. Il regista vola in Arabia, all’Al Ail. Peccato, vien facile dire a naso, come hanno scritto diversi tifosi. Per stare in Croazia, ci si chiede come mai neanche Pajac goda di molto prestigio in casa rossoblù. Chissà. In settimana si è riparlato anche di Daniele Ragatzu. L’attaccante, 29 anni, va a processo per stalking e molestie all’ex convivente. Il club l’ha lasciato a terra, senza rinnovo. Eppure, la scorsa estate è stato tenuto e presentato come un super rincalzo. Ha fatto bene in vari ritagli di gara, in gol con il Sassuolo per un punto decisivo al Mapei Stadium, e in Coppa Italia, più assist a Cerri. Con quest’ultimo coperto dalla fisicità di Pavoletti, forse sarebbe stato utile.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

GRANDE CASTEDDU

ADOLFO GOZZI
ADOLFO GOZZI
1 mese fa

Io vedo il bicchiere mezzo pieno . Il crotone è squadra difficile ( chiedere alla giuve ) . Nel secondo tempo abbiamo avuto almeno 3 situazioni da recupero palla nella loro metà campo dove potevamo fare male . Simeone ha avuto un grande occasione .
Fare 7 gol in due partite in serie A non é mai casuale e quindi è evidente che la squadra e il mister hanno dei grossi meriti . La strada è quella giusta ! Avanti cosi Forza Casteddu sempre

GP20
GP20
1 mese fa

Avete dato voce così a tutti i tifosi…
Tanti si chiedono se Pjac torni dal permesso o no.
Sottolineare che hai tifosi manchi Bradariç(29) nn ha senso ,con Oliva(25) e Marin(24)..senza contare Landinetti(20) che tornerà prima che i suddetti siano trentenni.
Ridicolo non capire che Ragatzu fosse il passato…Di Francesco ha preferito avere i più utili alla causa tra i 4 ex vivaio,che Aresti a parte sono giovani.

Anarchein
Anarchein
1 mese fa

Le note tecniche sono evidenti : noi soffriamo il centrocampo a 5 (quasi storicamente direi, almeno negli ultimi 5 anni), tanto che l’anno scorso con Maran abbiamo fatto meglio quando ci siamo disposti a specchio. I due mediani hanno funzione solo se i 3 + 1 davanti, quando fanno pressing (con la squadra corta) tornano SUBITO, .

Anarchein
Anarchein
1 mese fa
Reply to  Anarchein

altrimenti andiamo in sofferenza. E così è successo perchè la difesa alta si è abbassata non credendo troppo nelle sue possibilità ed il Crotone con più spazio ha iniziato ad uscire meglio palla al piede….. Ci serve più fiducia e perseveranza per l’asse difensivo

GP20
GP20
1 mese fa
Reply to  Anarchein

We,non so chi metta i dislike xke non fa una grinza.. La difesa si è abbassata? La difesa bassa di DiFra è comunque Latina direi.. nel secondo tempo un po ha ceduto perché Godin era evidentemente non al meglio,Walu non è rapido e Messias e Kimy in allungo gli bruciano. È vero i 3/4 devono tutti aiutare la mediana.. anche se alcuni sono punte esterne e sommate a Marin dietro.. creano leggerezza in interdizione..

fedez
fedez
1 mese fa

oggi bene ma non benissimo. 11 contro dieci a centrocampo voragini da paura quando il crotone affondava. il crotone una squadra forse destinata alla retrocessione ci ha fatto 2 gol in casa e ne poteva fare almeno altri e 2.
c’è molto da lavorare

Danilo BG
Danilo BG
1 mese fa

Dispiace x Ragatzu, ma con il duo Sottil/Ounas non poteva più trovare posto, Giusto lasciarlo libero, auguri di trovare una buona squadra da serie B, lo stesso discorso varrebbe x Cerri.
Pajac penso sia fuori dai pensieri di gioco di DiFra, stesso discorso x il discontinuo Bradaric.
Ci vorrebbe una “ciliegina” x gennaio………non si sa mai…….

Giambattista Lampis
1 mese fa

condivido il punto sulla partita e le singole prestazioni dei nostri interpreti, in relazione al gioco e alle sue trame, non condivido le critiche all’arbitro, ritengo che abbia condotto l’incontro in modo equo e senza protagonismo. Quello che non mi è piaciuto sono le notarelle a margine, Bradaric non rientra nei piani Societari, non stiamo parlando di un fenomeno, ha fatto una stagione e non ha convinto, Pajac è in Croazia per motivi famigliari, potrebbe avere un parente stretto che non sta

Giambattista Lampis
1 mese fa
Reply to  Granese

bene, è giusto che la società gli dia il permesso, infine parlo del giocatore Ragatzu, i fatti personali non siamo noi a giudicarli ma un Tribunale, ecco il giocatore quasi sponsorizzato nell’articolo è un atleta di quasi 30 anni, che ha giocato la maggior parte della sua carriera in C, la serie A è un altro pianeta, finche accettava di fare la riserva della riserva tutto andava bene, ma poi qualcosa si è rotto fra lui e la Società, che ha pensato di non rinnovare il contratto, meglio un giovane

Claud
Claud
1 mese fa
Reply to  Granese

mi associo alla tua ben descritta analisi

Enzofrancescoli
Enzofrancescoli
1 mese fa

Grande articolo!

Shardancast
Shardancast
1 mese fa

Mi sa, mi sa che questa è l’ultima volta che leggo questa rubrica. Riesce a darmi negatività anche in una giornata positiva. Ciao Mario.

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Caro mio, era il S.Elia chiuso allora"

Fabián O’Neill

Ultimo commento: "Presente a quel Cagliari Roma 4-3. Una partita al livello del miglior Francescoli."

Lucio Bernardini

Ultimo commento: "Io ero presente perdemmo 1-0 gol di cravero trasferta indimenticabile eravamo in tanti che emozione ciao ragazzi sempre forza casteddu"

Carmine Longo

Ultimo commento: "Se giulius avesse un ds così ..... anche se ha avuto capozzucca e non è riuscito a tenere, ....sicuramente lo storpio do Marotta non la..."

Pierluigi Cera

Ultimo commento: "Ero ragazzino quando andò via per giocare con il Cesena e ci rimasi malissimo.."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia