Resta in contatto

News

Champions League: Juventus e Lazio partono forte vincendo 2-0 in casa della Dynamo Kiev e 3-1 col Borussia Dortmund

Morata, in gol anche a Crotone, decisivo con una doppietta. All’Olimpico a segno Immobile e Akpa Akpro oltre all’autorete di Hitz

Meglio non poteva partire la Champions League 2020/2021. Ottime prove per bianconeri e biancocelesti nei loro due incontri di stasera.

DYNAMO KIEV-JUVENTUS 0-2. Allo stadio Olimpiyskiy la squadra di Pirlo si propone fin da subito in area avversaria, sfiorano la rete al 12’ con Chiesa, un minuto dopo con Chiellini (costretto al 20’ a lasciare il campo per un problema muscolare alla coscia destra) e con Kulusevski al 34’, che sugli sviluppi di una grande azione di Ramsey, colpisce di tacco, costringendo Bushchan alla grande parata sul primo palo.

In apertura del secondo tempo, dopo appena 54”, Morata bissa la rete dell’1-1 definitivo di sabato in campionato a Crotone, portando in vantaggio i bianconeri, freddando il portiere ucraino, che si era appena salvato dal gol, su Kulusevski. Accusa il colpo l’undici di Lucescu, costretta ad attaccare per rimettere in sesto la partita. I campioni d’Italia addormentano la sfida, ma al 29’ subiscono un’azione travolgente della Dynamo con Gerson Rodrigues, che fortunatamente sbaglia il passaggio decisivo per Kedzkiora, vanificando una delle varie azioni d’attacco avute.  Morata, al 39’ , si presenta puntuale all’appuntamento con il raddoppio, che anticipa il difensore, sul passaggio perfetto di Cuadrado, insacca e chiude i giochi terra ucraina, nel primo match della fase a gironi della Champions League.

 LAZIO-BORUSSIA DORTMUND 3-1. L’avvio dei biancocelesti, reduci dal brutto 3-0 di sabato in campionato sul campo della Sampdoria, è eccellente. Al 6’, grande assist di Correa per Immobile: destro, sinistro e palla in rete a superare il portiere svizzero dei tedeschi, Hitz. Non molla l’undici di Inzaghi, che continua a pressare, ma subisce un’incursione dei tedeschi che, dagli sviluppi di un angolo ci provano al 12’ con  Piszczek, ottimo intervento ad alzare il pallone sopra la traversa, di Strakhosa.  I biancocelesti si divorano altre tre occasioni per il raddoppio (due volte con Immobile al 14’ e al 15’) quindi con Correa, rischiano il pareggio al 21’ con Guerreiro, che trova la splendida risposta del portiere di casa, bravo a chiudere lo specchio della porta, ma insaccano il 2-0 al 24’, sugli sviluppi di un corner, con Luis Alberto, sul primo palo arriva in spizzata di testa e fa impazzire i mille presenti allo stadio. Per la verità la Uefa comunica autorete del portiere. Quattro minuti dopo, incredibile errore davanti alla porta di Meunier, che poteva riapre la sfida. 36’: Luis Alberto prova il gol direttamente da calcio d’angolo, Hitz è bravo a deviare sopra la traversa con un grande riflesso. Poco prima salvataggio di Piszczek, su Leiva al volo.

Nella seconda parte della gara doppia opportunità per i teutonici, pericolosi con Haaland, il cui sinistro potente trova la grande opposizione da parte di Strakosha, Quindi (22’) Guerreiro fa partire un sinistro dal limite dell’area, palla alta sopra la traversa e rete incredibilmente divorata. 27’: erroraccio in difesa di Patric che spiana la strada a Reyna, il quale imbecca Haaland, che calcia col sinistro mettendo insaccando sotto la traversa, dove Strakosha non ci può mai arrivare. Splendida reazione della Lazio, che al 32’  sigla il 3-1 con l’ex Salernitana Akpa Akpro, imbeccato da Immobile, che in maniera fredda battendo con tiro con il sinistro che  beffa Hitz. Sei minuti dopo, Haaland, su cross di Meunier, obbliga Strakosha ad alzare la sfera sopra la traversa. Per la Lazio una grande e meritata vittoria.

LE ALTRE DUE ITALIANE. Domani esordio per Inter e Atalanta entrambe in campo alle 21. La squadra di Conte affronterà a San Siro i tedeschi del Borussia Moenchengladbach, quella Gasperini attesa dalla trasferta sul campo dei danesi del Midtjylland.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Dopo che hai voluto la serie B per forza per i tuoi interessi, ora facci un regalo vendi, possibilmente a uno che voglia veramente investire"

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Se gli viene data carta bianca può ricostruire una squadra degna della serie B, non mi sento di dargli troppe colpe per quanto successo quest'anno,..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News