Resta in contatto

News

Posticipo Serie A. Roma-Benevento 5-2: gara a viso aperto all’Olimpico

I sanniti se la giocano fino a metà ripresa ma alla fine esce fuori il maggior tasso tecnico e porta a casa i 3 punti

Sette gol per il 5-2 della Roma, che batte il Benevento e mette in cassaforte 3 punti nella prima vittoria casalinga della stagione

IL DERBY GIALLOROSSO. Entrambi gli stessi colori sociali, le due squadre si affrontano senza timori di sorta, anche se è la squadra di Fonseca a creare gioco. Ma, a passare in vantaggio sono gli uomini di Filippo Inzaghi, con l’ex Capari (ma decisiva la deviazione di Ibanez col polpaccio) che fa gioire la compagine del presidente Vigorito stasera in panchina) dopo 5’, calciando col destro. La reazione dei capitolini non arriva immediata, anche perché i sanniti sono schierati molto bene in fase arretrata ed è difficile trovare spazi. Quando lo fa, come al 21’, Montipò è perfetto nel mettere in difficoltà Dzeko. Gioco fermo al 25’ per un controllo di Mazzoleni dalla sala VAR, per un tocco col braccio di un giocatore dei campani. Ma alla fine è fischiato fuorigioco agli avanti di casa e Ayroldi fa riprendere la partita. Gara ribaltata in 4’, dal 31’ al 35’. Pareggia Pedro, con un gran sinistro, sigla il 2-1 invece Dzeko, finalizzando una splendida ripartenza di Mirante che imbecca ben oltre la metà campo avversaria Mkhitaryan, autore un taglio perfetto per la rete del bosniaco. Prima dell’intervallo da segnalare il 3-1 annullato a Mkhitaryan, per precedente fuorigioco di Spinazzola.

Nella seconda frazione si assiste dopo 8’ al rigore concesso al Benevento, per fallo di Veretout sul’ex Cagliari Ionita. Dal dischetto Mirante respinge il tiro di Lapadula, che riaggancia la sfera e sigla il 2-2, anticipando col destro il portiere d’un soffio. Eccezionale Mirante al 17’, ancora su Lapadula che si divora il 3-2. Che segna invece Veretout, il quale spiazza Montipò, autore del fallo al 22’, su Pedro. Botta e risposta tra il 29’ e il 30’, con Dzeko che fallisce d’un soffio il 4-2 e Ionita il 3-3. Ma il 4-2 della Roma arriva proprio dal bosniaco, che deve appoggiare in rete senza problemi il pallone passato da Mkhitaryan, che al 37’ fallisce incredibilmente il 5-2. Nel finale Inzaghi inserisce anche Sau. Perez chiude i giochi al 44’ insaccando il definitivo 5-2 romanista.

Il programma della quarta giornata della Lega Serie A si chiude con la sfida di domani alle 20,45 tra Hellas Verona e Genoa (che deve anche recuperare la partita sul campo del Torino rinviata per Covid) che si giocherà al Bentegodi.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Personalmente penso la cosa migliore e meglio che GIULINI venda..."

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Ci sono due Capozzucca, l ultimo ha solo l occhio di Marotta"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News