Resta in contatto

News

Zenga: “Orgoglioso dei miei. Puntiamo su di noi, senza guardare gli altri”

Queste le parole del tecnico rossoblù, Walter Zenga, alla vigilia della partita contro l’Atalanta di Gasperini

In base alle partite si cercano di trovare delle soluzioni diverse, sempre. Attenzioni che in gara si devono sempre avere: la forza dell’Atalanta sta nella mentalità, hanno la qualità di voler andare sempre oltre loro stessi. Li avvantaggia il tanto tempo insieme: ma ci sono i risultati da conquistare, non tiriamoci indietro“.

L’Atalanta non mi ha ispirato, ma perché le idee variano in base alle caratteristiche della rosa e del momento storico. Avanti così. Non vedo il perché di cambiare, solo per la necessità di un giocatore assente“.

Sono molto orgoglioso dei miei ragazzi e ho fiducia in loro, pienamente. Guardate Mattiello: sta giocando sempre, ma era da tanto che non lo faceva. Con i giusti distinguo, guardate l’approccio di Lykogiannis, Carboni, Nainggolan. Il loro atteggiamento e la loro disponibilità sono il top per me. Pisacane non sta benissimo, però è un esempio per tutti“.

Noi cercheremo di fare la nostra partita. Comunque, anche se avremo davanti una grande avversaria o problemini in organico. Ho detto ai ragazzi: puntiamo solo sulla nostra forza, con ottimismo e senso di squadra“.

Pellegrini squalificato e infortunato: lui come altri, purtroppo. Gli impegni ravvicinati portano anche a una valutazione più ampia sugli interpreti, per trovare ogni volta la ricetta giusta“.

Gasperini è un grande allenatore, Panchina d’Oro. Dopo l’esperienza all’Inter, si è rilanciato nel migliore dei modi. Parai un rigore a Gasperini in Inter-Pescara nell’anno dell’Inter dei record? Sì, mi ricordo anche se parliamo della preistoria! Era un grande Pescara, quello di Galeone con giocatori fortissimi come Sliskovic“.

Con gli interpreti da centrocampo in avanti di cui dispone il Cagliari, è giusto puntare a far male sempre: Rog, Nández, Nainggolan, Simeone, João Pedro… tanta roba! Cacciatore avrebbe giocato sicuramente a Bologna. Olsen? Ora ho 3 grandi portieri e non più 4“.

La parata di Olsen a Ferrara su Cerri come episodio della svolta? Preferisco guardare al gol di Simeone, in quanto più decisivo a parer mio: Robin è stato bravissimo, come Cragno a Bologna per esempio. Gli episodi cambiano sempre le partite. Sono ottimista e fiducioso per il futuro del mio Cagliari“.

L’Atalanta ci ha sicuramente studiato, per scoprire pregi e difetti, pericoli e criticità. I nerazzurri sono tra le big del nostro calcio: in quanto grande, cerca di imporre la propria idea e il proprio calcio. In ogni occasione. Conosco bene Gasperini e il suo vice Gritti, che negli anni Ottanta mi fece gol da attaccante!“.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mortimermouse
Mortimermouse
29 giorni fa

Giochiamocela.

FB_IMG_1593892191980.jpg
Federico
Federico
30 giorni fa

Domani sarà dura ma io ci credo, sempre forza casteddu

Francesco
Francesco
30 giorni fa

Forza Cagliari
Domani vinciamo siamo la bestia nera dell’Atalanta

Alex G
Alex G
29 giorni fa
Reply to  Francesco

Ti quoto.. ma realisticamente on questo momento la Dea è la squadra più forte d’Europa.. speriamo di fare gara della vita.. forza Casteddu!!

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Vergognatevi!! Ma cosa volete raccontare..avete sbagliato anche il cognome.. e non si tratta di un errore di stampa, lo avete reiterato anche nella..."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Io ricordo che prima dell'incontro con la Massese il Cagliari giocò al Sant'Elia una Partita non ufficiale, un'amichevole col Benfica in cui giocò..."

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News