Resta in contatto

News

L’Inter asfalta il Brescia: a San Siro finisce 6-0

Gara in discesa dopo appena 3’ per il gol di Young poi dominio nerazzurro che produrrà altre cinque siglature. Troppo netta la differenza in campo

Inter-Brescia 0-0 dura 3’. Il tempo del vantaggio della squadra di Conte, che domina contro l’ultima della classe. Troppo palese la differenza vista in campo tra le due contendenti nell’anticipo di San Siro, finito con un punteggio tennistico

YOUNG. In avvio di gara la cenerentola del campionato si rende pericolosa al 3’ con Donnarumma, la cui conclusione potente col destro non è vincente, visto che la palla termina di poco sopra la traversa. La squadra di Conte sblocca la sfida al primo tiro in porta al 5’: cross di Sanchez per Young, che beffa Joronen con il tiro col destro al volo in diagonale che si infila all’angolino. 17’: Moses entra in area e lascia partire un cross teso su cui arriva per primo Sanchez, ma nulla di fatto. 19’: rigore per i nerazzurri, assegnato da Manganiello, complice il fallo di Mateju che stende Moses. Dal dischetto Joronen tocca il Pallone battuto da Sanchez, ma non riesce a trattenere la sfera che si infila in rete. Non c’è gara tra le due squadre.

Al 24’ cross di Gagliardini per la testa di Martinez, palla fuori d’un soffio. Due minuti dopo anche Moses sfiora il 3-0. 35’: doppia chance per i bresciani, ma prima il tiro di Dessena e poi quello di Skrabb, trovano la doppia opposizione di D’Ambrosio e Gagliardini poi. Un minuto dopo, dall’angolo di Sanchez, Joronen salva sulla linea. Skrabb, stavolta in difesa (40’) decisivo su Moses. Inter all’intervallo avanti 3-0, grazie alla rete siglata al 45’ da D’Ambrosio sull’imbeccata di Young, grazie ad uno stacco perfetto. Nel secondo dei tre minuti di recupero, Joronen si oppone d’istinto alla deviazione sotto porta di Martinez, servito da Borja Valero, negando il quarto gol.

DOMINIO NERAZZURRO. Al rientro in campo (1’) Young anticipa Torregrossa pronto alla deviazione sottoporta con la porta spalncata. Ghiotta occasione per la squadra di Diego López. 4’: destro violento di Martinez. Al 7’ Gagliardini colpisce di testa scchiacciando la palla che termina in rete per il 4-0. Al quarto d’ora chance non concretizzata dai nerazzurri per il quinto gol con Borja Valero. al 18’ nulla da fare neanche per Moses. 21’: Handanovic dice no al tiro di Torregrossa. 25’: traversa di Candreva. Tanta inter in campo: netta la differenza in campo tra le due squadre. fin troppo evidente arriva il 5-0: botta di Lukaku ribattuta da Joronen e primo gol in Serie A per Eriksen al 38’. Cinque minuti dopo sesto gol, siglato da Candreva, con un sinistro ad incrociare dal limite dell’area. 44’: Lukaku per Candreva, sfiorato il settimo gol.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News