cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sedicesimi di finale della Coppa Italia superato da Fiorentina, Genoa e Cremonese

Andate in archivio le prime delle tre delle otto partite della seconda competizione nazionale che con Cagliari-Sampdoria di giovedì determineranno gli ottavi

Al via questo pomeriggio le gare valide per i sedicesimi di finale della Coppa Italia. Le otto vincitrici raggiungeranno agli ottavi le otto teste di serie del massimo campionato, che si giocheranno tra il 15 e il 22 gennaio. In attesa delle partite di domani Sassuolo-Perugia (ore 15) Spal-Lecce alle 18 e Udinese-Bologna alle 20,45 e Parma-Frosinone, Cagliari-Sampdoria di giovedì, rispettivamente alle 18 e alle 21, vediamo come si sono concluse le gare di stasera:

CREMONESE-EMPOLI 1-0. Prosegue il percorso dei grigioverdi, che (eliminato il Verona in estate nel terzo turno) agli ottavi se la vedranno contro la Lazio. Allo Zini successo meritato per i ragazzi di Baroni, maturato al 39’ del primo tempo grazie al colpo di tacco di Clayton che non lascia scampo ad un Provedel apparso leggermente in ritardo. Finisce la corsa della compagine dell’ex attaccante del Cagliari oggi allenatore Roberto Muzzi, che attraversa un  momento no ed ha avuto (specie nel secondo tempo) delle buone occasioni, ma il gol del pareggio, che avrebbe allungato la gara, non è arrivato.

GENOA-ASCOLI 3-2. In un Marassi praticamente deserto (e non perché si giochi nell’orario particolare delle 18) con i tifosi arrabbiati con squadra e società, specie dopo il ko col Torino in campionato, l’undici di Thiago Motta vince a fatica e, negli ottavi, ritroverà i granata di Mazzarri per una rivincita importante in chiave stagionale.

Va scritto, che in avvio di gara, i padroni di casa fanno la gara e al 13’ insaccano con Pinamonti, il quale sul passaggio di Jagelo, brucia sullo scatto Ferigra e da dentro l’area piccola, insacca facile facile. I liguri hanno il torto di fallire il raddoppio al 37’ , quando Criscito mette in mezzo la palla col piede sinistro per Cassata, il quale si mangia clamorosamente  la rete a porta vuota. Al 3’ della ripresa arriva il pareggio dei marchigiani: a realizzarlo è Beretta che, partito in posizione regolare, con un tocco sotto batte Jandrei, facendo nuovamente esplodere la contestazione dei presenti contro i loro giocatori. I quali si gettano in attacco alla ricerca del 2-1 che (6’) fallisce con una battuta troppo debole Agudelo e due minuti dopo, respinta corta di Lanni, sul tiro fatto partire da Criscito, che favorisce Pinamonti il quale però manda incredibilmente fuori il pallone, ricevendo fischi copiosi dai pochi presenti.

Che al 23’ assistono al sorpasso degli ospiti, complice la sfortunata deviazione di Criscito che infila il suo portiere Jandrei, nel tentativo di allontanare la sfera calciata da Gerbo. Tre minuti dopo il capitano dei genoani cerca di farsi perdonare, ma fallisce di un non nulla il pareggio, col pallone che termina fuori alla sinistra di Lanni. Il 2-2 lo sigla proprio Criscito, che si fa trovare al punto giusto nel momento giusto sul traversone di Pajac, per segnare al 27’ con un perfetto rasoterra. Sei minuti dopo Pinamonti (doppietta per lui) riporta avanti il Genoa con una tiro col destro a botta sicura, dopo un’affannosa respinta della retroguardia dell’Ascoli. Genoa avanti in Coppa Italia, dopo 4’ di recupero.

FIORENTINA-CITTADELLA 2-0. Viola agli ottavi contro l’Atalanta. Questo l’esito dell’incontro tra la squadra di Montella e i veneti, attualmente secondi della classe in Serie B (a quota 22 punti assieme a Pordenone, Perugia, e Crotone) alle spalle della capolista Benevento in fuga. Brivido in avvio, quando i ragazzi di Venturato si presentano in area viola dopo appena 52 secondi, con la battuta di Bussaglia che obbliga Terracciano alla deviazione in angolo, smanacciando la sfera. Poco dopo (4’) gran destro scagliato da Ventola, palla di poco alta sopra la traversa.  Al 14’ arriva il primo tiro da parte dei padroni di casa, grazie a Ghezzal che fa partire un tiro al volo col sinistro, che termina alto sopra la traversa. Cinque minuti dopo Maniero si oppone in tuffo sulla conclusione di Castrovilli, ma nulla può al 20’ sul gol di Benassi che sblocca il punteggio con un destro da posizione centrale, dopo l’ottimo suggerimento da parte di Sottil. Da segnalare l’incredibile errore di Vlahovic al 18’, quando tutto solo sbaglia di testa. La squadra di casa si complica la vita (27’) per colpa Venuti, che stende Celar lanciato tutto solo contro Terracciano e rimedia un rosso diretto. Al 37’ Panico grazia l’undici fiorentino, calciando incredibilmente fuori all’esterno della rete, mancando dunque il pareggio. Due minuti dopo il portiere viola salva la porta sulla battuta manina dal limite, da parte di Celar. Squadre all’intervallo, dopo 1’ di recupero.

Dopo 8’ della ripresa arriva la doppietta siglata da Benassi, con un destro che supera Maniero, dopo aver agganciato la sfera da Ghezzal in contropiede. Nonostante l’uomo in meno, la compagine di Montella fa valere il maggior tasso tecnico della categoria. Iori ci prova su punizione (19’) Terracciano in tuffo nega il gol al Cittadella, che continua a fare la sua onesta partita. 25’:  Castrovilli si divora letteralmente il terzo gol davanti al portiere dei toscani. Al 35’ Proia impegna Terracciano, che evita il gol veneto, spazzando la palla in corner.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'Atalanta, prima della sfida di domenica sul campo del Cagliari, affronta oggi l'ostacolo Fiorentina in...
Juventus e Lazio in campo stasera per la semifinale d'andata di Coppa Italia: scopriamo com'è...
Massa di Imperia dirigerà alle 21 la sfida dello Stadium. Domani alla stessa ora al...

Dal Network

Il difensore si è accasciato a terra, dopo aver sentito un dolore al petto: l'ivoriano...
Al Mapei Stadium di Reggio Emilia parte fortissimo l’undici di casa, alla rimonta rossonera al...
Padroni di casa vanno in vantaggio con Politano. Meret para un rigore a Soulè, poi...

Altre notizie

Calcio Casteddu