Resta in contatto

News

Primavera 1, Canzi si gode il suo Cagliari e avverte: “Ce la possiamo giocare contro chiunque”

Il tecnico plaude alla prova dell’intero gruppo che ha saputo sopperire dopo il gol di Gagliano all’uomo in meno dopo l’espulsione di Porru nella ripresa

Saper soffrire ma vincere. Una situazione che oggi il Cagliari ha messo in atto. Lo ha fatto battendo 1-0 il Bologna al Centro Sportivo di Assemini, nel posticipo valido per la nona giornata del massimo campionato Primavera. Un successo che Max Canzi sottolinea così a fine contesa, nelle parole riportate dal sito ufficiale. “Abbiamo portato a casa i tre punti con la forza di tutti, dai ragazzi che sono rimasti in campo fino all’ultimo istante da titolari, dai  subentrati che hanno dato il contributo dalla panchina senza giocare. Non siamo stati bravi a chiuderla quando potevamo, poi in inferiorità numerica è normale soffrire al cospetto di un Bologna che sapevamo essere un’ottima squadra. Detto questo sicuramente abbiamo fatto vedere ancora una volta, che possiamo giocarcela con tutti gli avversari di questo campionato. Cercheremo di rimanere lassù il più a lungo possibile, ma non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo primario, che resta sempre salvezza. Per ora è così, poi quando saremo al sicuro potremo parlare di altro”.

INFERIORITA’ NUMERICA.  Canzi si sofferma ovviamente anche sull’’espulsione di Porru nella ripresa, poteva dare una spinta ai felsinei. “Ho detto più di una volta che dobbiamo maturare, non possiamo permetterci certe ingenuità che poi rischiano di compromettere quanto di buono riusciamo a costruire con il duro lavoro. Non sempre ti può andare bene, la nostra crescita passa anche dal capire che bisogna diventare adulti in fretta. Solo chi ci riuscirà potrà fare strada”. Domenica alle 11 si farà visita ad un Napoli, battuto 4-1 dall’Atalanta, che è in grande difficoltà: “Sarà una gara molto difficile, come sempre quando si va su quel campo. Mi aspetto una partita dagli elevati toni agonistici, in terra partenopea c’è grande passione anche al seguito della Primavera e quindi dovremo essere pronti ad un’altra battaglia”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Giambattista Lampis
6 mesi fa

Grande Mister SI! il suo Cagliari può giocare a viso aperto contro tutti, disegnando anche buone trame, la società a lavorato bene ed è cresciuta tanto a livello giovanile, inserendo di volta in volta giocatori validi che lei aiuta a crescere, continui cosi a darci queste soddisfazioni. Grazie

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News