Resta in contatto

News

Cds – Carli 1: “Il presidente Giulini è un purosangue”

Il direttore sportivo del Cagliari torna sulla cessione all’Inter di Nicolò Barella: “Era inevitabile, impossibile trattenere un calciatore così forte”

Il direttore sportivo del Cagliari, Marcello Carli, è un fiume in piena. Il dirigente rossoblù ha sviscerato diverse tematiche ai microfoni de Il Corriere dello Sport.

ALLENATORE MANCATO.Non sono riuscito a fare l’allenatore: il mio pallino era la gestione del gruppo. Quindi pensavo che in panchina avrei raggiunto l’estasi. Invece devo tutto a Pino Vitale. L’Empoli è stato, a lungo, lui. Lui e Fabrizio Corsi. Per me uno dei primi tre direttori in quell’indimenticabile periodo“.

IL CONTATTO CON GIULINI.Inaspettato. Mi spiegò il momento difficile del Cagliari, pensai a uno sfogo, oppure a una prenotazione per la stagione successiva. Invece, aprile 2018, il campionato era partito male. Io avevo mille dubbi perché i rischi erano dietro l’angolo, la squadra non l’avevo costruita io, un direttore deve sapere cosa fa e come lo fa. Ma ci accordammo rapidamente, all’interno di un cammino complicatissimo che ci diede la grande gioia della salvezza di Firenze quando sembrava tutto perso“.

IL RAPPORTO CON IL PRESIDENTE. “Giulini è un cavallo purosangue, ecco, è la definizione giusta. Un uomo sveglio, forte, forse inizialmente troppo caratteriale. Ma ha alzato il livello, è meno impulsivo, sa ascoltare. E vive per il Cagliari. La sua è una missione, lasciamo perdere la storia del terzo posto, le favole sulla Champions, queste cose qui. Non ci facciamo condizionare, per noi la Champions è il prossimo allenamento da svolgere al top. Rigorosamente il prossimo, non quello tra una settimana“.

LA CESSIONE DI BARELLA. “Giulini ha tenuto duro per Nicolò, non avrebbe voluto cederlo se non alle sue condizioni. Ma rinviava, rinviava, girava e prendeva tempo. Un giorno lo convocò l’Atletico a Madrid, Berta su indicazione della sua proprietà si sarebbe svenato. Poi lo scorso gennaio il Napoli si superò, come l’Atletico. Giulini disse no. Il Chelsea avrebbe fatto di tutto e di più, Maurizio avrebbe voluto prenderlo malgrado il blocco del mercato“.

6 Commenti

6
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

38 anni.. 🤔

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Piano ragazzi ,non rompiamo il giocattolo con innesti azzardati che destabilizzerebbero lo spogliatoio .

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

PRIMA FIATRA UN IMBRIAGONI DE BETOLA…IMMOI GESUCRISTU….

Sergio
Ospite
Sergio

Ottimo presidente.
Su Nicolò poi, cosa si può dire? Giocate eleganti, fantasia, grinta, serietà, fair-play… però arriva da Cagliari, scuola calcio Gigi Riva, nazionale under 21 e poi maggiore con tre reti in 12 gare ufficiali…il classico pacco
❤💙

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ajo carli. Ibra è florenzi dai. Dai che puntiamo allo scudetto 💪🏼💪🏼💪🏼

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Alla griglia o alla ghisa

Advertisement

Gigi Riva

Ultimo commento: "Solo una parola.UNICO.ha scelto la parola data anziché i milioni.GIGI UNO DI NOI. IL SARDO DI LEGGIUNO"

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "E non è il solo pacco in quegli anni, se penso che il Treviso ci aveva proposto un certo Luca Toni e invece Bellotto pretese Beghetto"

Pierluigi Cera

Ultimo commento: "Cera era un grandissimo mediano di spinta,e con questo ruolo ha sempre giocato fino all'infortunio di Tomasini(libero). Scopigno fu costretto per..."

Comunardo Niccolai

Ultimo commento: "a Mexico 70 giocò solo la prima partita contro la Svezia e poi fu relegato in panchina e il suo posto fu preso da Rosato"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "E’ stato certamente un grande giocatore, un riferimento per tutti i suoi compagni ! Un grande professionista fuori e dentro il campo . ..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News