Resta in contatto

News

Anticipo Serie A: grande spettacolo al San Paolo nel 2-2 tra Napoli e Atalanta

Un pareggio che alla fine sta stretto a entrambe le contendenti. La squadra di Ancelotti espulso nel finale produce tanto, quella di Gasperini non molla mai

Un punto a testa al San Paolo tra Napoli e Atalanta, nel big match della decima giornata, terzo anticipo dopo lo 0-1 di Parma-Hellas Verona e l’1-2 di Brescia-Napoli. Per la sfida di vertice qualche cambio da parte dei due tecnici, rispetto a  quanto si pensava alla vigilia, con Ancelotti che lascia inizialmente in panchina Mertens e Zielinski (che entrerà però al 10′ per sostituire l’infortunato Allan),  Gasperini invece Muriel e Malinovskyi.  Appena 45 secondi di gioco: angolo di Callejon, palla a Koulibaly che di testa trova Gollini pronto alla parata.  Neanche due minuti e il portiere ospite respinge col piede destro la conclusione da parte di Milik, sempre col destro.  Gara intensa, come da premessa. Al 6′ punizione , concessa per fallo di Allan su Ilicic e battuta dallo stesso giocatore,  che Meret allontana non certo in modo facile, poi Gosens mette fuori la sfera. Altra tegola per i partenopei, che già hanno perso Malcuit operato proprio oggi al ginocchio e fuori per sei mesi.  11′: gran taglio di Insigne per Callejon, ancora una volta decisivo il portiere dei bergamaschi.

MAKSIMOVIC E FREULER. Il Napoli sblocca la contesa al 16′, con un’azione nata dall’impostazione di Insigne, il quale offre una palla straordinaria a Callejon che effettua un perfetto cross quasi dal fondo per l’ex Torino, che insacca di testa.  Ritmo e qualità in campo al San Paolo. Immediata reazione atalantina: Ilicic imbecca Gomez, la cui battuta col sinistro è murata dalla difesa. Al 21′ Milik fallisce il 2-0, colpendo di testa il palo e una successiva un’ennesima  parata di Gollini che sta facendo di tutto, per evitare una goleada. 33′: Pasalic accorre sul taglio perfetto di Hateboer, provvidenziale intervento di Koulibaly a negare il gol, che arriva al 41′ siglato da Freuler sul passaggio di Toloi. Importante e brutto, l’errore di Meret però nella circostanza.  In chiusura di tempo cresce la squadra ospite, che conferma di essere non a caso al terzo posto in classifica.

Nella seconda parte della contesa entrambe le compagini puntano realizzare il 2-1 per poi condurre le danze fino alla fine. al 4′ Hateboer sbaglia il disimpegno, favorendo Insigne che recupera palla e scarica subito all’indirizzo di Lozano, conclusione col destro murata da Djimsiti, tentativo di  Zielinski da fuori, altra respinta difensiva degli orobici. Due minuti dopo, dall’altra posta, girata improvvisa col piatto destro sul secondo palo di Pasalic, palla che esce a lato di pochissimo. Sale l’intensità: al 14′ Mertens serve in area Insigne, che cerca il colpo di classe con il destro a giro sul secondo palo. pallone che sfiora la traversa. Ora è la squadra di casa a creare più occasioni, come fatto nel primo tempo: infatti al 23′ Milik fa partire un sinistro a giro sontuoso su punizione, che supera la barriera ma che si stampa sulla parte superiore dell’incrocio dei pali.

MILIK E ILICIC. Al 26′ il 2-1 del Napoli, innescato da una sanguinosa palla persa da De Roon recuperata prontamente da Fabian Ruiz, lancio fantastico per Milik che arriva in porta, manda al bar Gollini e deposita la sfera in rete a porta vuota. Sulle ali dell’entusiasmo gli azzurri hanno la chance di portarsi subito sul 3-1 con Fabian Ruiz che (servito da Insigne) calcia sull’esterno della rete, da ottima posizione. L’Atalanta si dimostra una grande squadra che non molla e al 41′ perviene al pareggio con l’ex Palermo Ilicic sul filtrante di Toloi, dimenticato in area prima da Maksimovic e poi da Koulibaly, mette il pallone in rete col mancino superando Meret sul secondo palo. Proteste partenopee sulla rete, convalidata da Giaccomelli con il supporto di Banti al Var, per un presunto fallo su Llorente da parte di Kajer. Insigne viene ammonito, Ancelotti invece espulso. Ben otto i minuti di recupero, nel primo dei quali Meret devia in angolo allungandosi, la la girata col sinistro di Muriel in area, fatto entrare nella ripresa da Gasperini. Infine al 52′, Mertens spara alto da posizione favorevole. La gara si chiude dunque 2-2, con l’Atalanta che mantiene la terza posizione. Per il Napoli un altro pareggio che lo allontana ancora di più dal vertice.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News