Resta in contatto

News

Roma beffata sull’1-1 dal Borussia Monchengladbach con un rigore inesistente. Lazio ko 2-1 nel finale col Celitc

Incredibile epilogo all’Olimpico con l’arbitro che assegna un penalty nel recupero. In Scozia i biancocelesti puniti oltre i demeriti al termine di un match ben giocato

Terza giornata della seconda competizione europea per club, che vede impegnate le due squadre della capitale. Ecco come si sono svolte le loro partite:

ROMA- BORUSSIA MONCHENGLADBACH 1-1.  Sotto una pioggia battente, grande equilibrio nella prima parte di gara tra le due squadre, con i giallorossi che si fanno pericolosi al 3’ con Kluivert, mentre i tedeschi rispondono con una doppia occasione al minuto 8 con la traversa colpita da Bensebaini e col destro da fuori un attimo dopo, da parte di Embolo. Ancora Borussia in avanti al 27’, con la girata di  Herrmann col destro da dentro area, palla alta sopra la traversa con Pau Lopez immobile. A sbloccare la gara è però l’undici di Fonseca al 32’. Veretout batte un angolo con palla per Zaniolo, che in mezzo all’area avversaria svetta più in alto di Lainer e piazza la palla con un perfetto colpo di testa sul secondo palo. Poco dopo (35’) gol annullato a Dzeko per fuorigioco. Al 42’ bell’intervento di Sommer sulla punizione battuta da Veretout, ad antipare Smalling.

Molto alti i tedeschi nella ripresa alla ricerca del pareggio. La squadra di Rose però non crea pericoli veri in area romanista, nonostante sia sotto nel punteggio. Intanto aumenta la pioggia, il che parecchi problemi alle due squadre, anche se il terreno di gioco è in ottime condizioni. Al 22’ Zaniolo imbecca Kluivert in area, Sommer esce alla disperata ed evita il 2-0, tenendo i suoi in partita all’Olimpico. Graziato il portiere dei tedeschi al 36’, quando dalla punizione da parte di Veretout, la girata di testa a due passi dalla rete di Smalling finisce fuori d’un soffio. Invenzione di Dzeko per Florenzi che al 45, nonostante il campo a diposizione, fallisce di poco la rete. Dall’altra parte Thuram Junior non trova la girata vincente per pareggiare. Al 48’ rigore per il Borussia. Concesso in modo incredibile dall’arbitro Collum, che vede un fallo che non c’è di Smalling. Dal dischetto impatta al 49’ Stindl. La gara finisce incredibilmente 1-1.

 

CELITC GLASGOW-LAZIO 2-1. Padroni di casa subito pericolosi al 3’: Forrest mette a sedere Jony, quindi scarica su Edoaurd che salta Vavro, in scivolata salva Bastos.  Traversa scheggiata dai bianco verdi al 17’, dopo una serie di rimpalli, con pallone che viene agganciato da Mc Gregor, il quale di prima intenzione col mancino, va ad un passo dalla rete. Fatica la squadra di Inzaghi al cospetto dell’aggressività dell’undici di Lennon, accettando però la lotta fisica in tutte le zone del campo, che a volte volge a suo favore e va in vantaggio grazie alla velocità di Lazzari (complice un errore di Forster) che al 40’ su assist di Correa, insacca sul primo palo, esplodendo di gioia per il suo primo gol in Europa League.

Al rientro in campo la pressione del Celitc si alza ulteriormente e quasi sfocia nel pareggio 14’, con Leiva che legge male il già pessimo passaggio di Bastos, favorendo Edouard che, con un colpo di tacco imbecca Christie, il quale però si vede vanificato tutto dall’ottima chiusura di Vavro. La Lazio attacca poco, ma quando lo fa è micidiale, come al 20’ sul palo esterno colpito da Correa, sul passaggio da parte di Milinkovic-Savic. Gli scozzesi pareggiano al 22’ con Christie che, controllato male da Parolo, scarica palla al compagno che (al centro dell’area) non sbaglia. Inzaghi però la vuole vincere: fuori Correa, dentro al 28’ Immobile in grande stato di grazia tra campionato e Coppe. Grande palla (34’) di Lazzari per Parolo,

Forster fondamentale ad evitare il raddoppio della Lazio. Al 39’ Immobile scambia di tacco con Caicedo poi fa partire la conclusione col destro in diagonale, che esce di poco. Al 43’ Celtic in vantaggio con Julienne lasciato colpevolmente libero al centro dell’area in particolare da Acerbi e Vavro (che non si capiscono) che non può fallire l’appuntamento con la rete. Nei 5’ di recupero la Lazio non trova il pareggio, con Forster autore al 50’ di una parata pazzesca sul siluro di Cataldi, ma esce dal campo con una sconfitta assolutamente immeritata.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pavoletti, voglia di restare. Meglio lui di Lapadula e altri?

Ultimo commento: "Pavoletti se non succedono altri terremoti in casa Cagliari... Ci riporterà in serie a e segnerà 18-20 gol"

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "E aperto anche il master per come gestire una società di calcio il caso di studio che verrà analizzato è il cagliari calcio affrettatevi i posti..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Fidatevi di Capozucca..... è una che vede lontano!!!!"

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News