Resta in contatto

Approfondimenti

Pajac, lo strano percorso rossoblù di un mancino

Il difensore croato è ormai prossimo al trasferimento: lo attende il Genoa. Ancora a titolo temporaneo, per un rapporto tortuoso con i colori del Cagliari

CAPOZUCCA. La cessione di Marko Pajac dal Cagliari al Genoa è cosa fatta, si attende solo l’ufficialità. Un nuovo capitolo di una storia, quella tra lui e il club sardo, decisamente particolare. Pajac venne portato in Sardegna dall’allora ds Capozucca, nell’estate del ritorno in A dopo la promozione targata Rastelli. Il croato arrivò con l’etichetta di talento mancino da valorizzare: un trequartista, che però si rivelò in breve tempo troppo poco dinamico nonostante l’ottimo sinistro. Rastelli gli concesse solo l’esordio il 21 agosto 2016 contro il Genoa, alla prima di campionato, e pochi giorni dopo lo vide partire per Benevento: cadetteria.

SERIE B. 16 presenze e una rete per lui con la casacca dei campani che centrarono una fantastica e storica prima promozione in Serie A. A fine stagione il ritorno a Cagliari, ma non venne di nuovo ritenuto pronto e ceduto di nuovo in prestito in B, stavolta al Perugia. Qui, la carriera di Pajac prende finalmente una piega positiva con la trasformazione in difensore esterno sinistro: un’annata ottima seguita dal secondo rientro in rossoblù per giocarsi finalmente il posto. Invece… viene bocciato anche da Maran, che lo relega in panchina preferendogli sempre qualcun altro a costo di adattare un centrocampista: una stroncatura piuttosto evidente. E così a gennaio 2019 va insieme a Farias all’Empoli, disputando una buona seconda parte di campionato e sfiorando la salvezza con i toscani sotto la guida di Andreazzoli. A luglio, ancora la stessa storia. Aritzo, Pejo, amichevoli, ma per lui non c’è spazio nel progetto tecnico. E allora via, di nuovo, proprio da Andreazzoli – e Capozucca – al Genoa: prestito con diritto di riscatto. La domanda naturale che tutti gli osservatori si fanno è questa: perché il Cagliari continua a tenere sotto contratto un giocatore in cui non ha mai riposto fiducia e al tempo stesso non sfrutta la situazione per monetizzare?

28 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti