Resta in contatto

News

Il debutto internazionale della Natzionale Sarda finisce con un ko ai rigori con la Corsica

Al Nespoli di Olbia non sono mancate le emozioni davanti. Squadre sull’1-1 nei tempi regolamentari. Dal dischetto errori decisivi di Emerson e Ladu

Finisce con la Corsica che si impone 4-1 ai rigori il debutto internazionale della Natzionale Sarda, davanti alla madrina dell’evento, la nota attrice sarda di caratura internazionale Caterina Murino. Presente allo stadio anche il neo assessore al Turismo, Gianni Chessa.  Mereu schiera i suoi con il modulo 4-3-1-2, con Aresti tra i pali, difesa con Pinna, Cabeccia, Sirigu, Emerson; in mezzo al campo Deiola, Pani e Nuvoli; Molino trequartista alle spalle dei due attaccanti Virdis e Mancosu.

CABECCIA E CABELLA.  La Natzionale Sarda parte forte e dopo 8’ sblocca il match con il gol realizzato dal difensore centrale della Sanremese, il quale supera in modo fortunoso con un colpo di testa Penneteau, dopo che questi si era opposto respingendo il pallone calciato dalla punizione di Emerson. Il pareggio degli ospiti lo sigla tre minuti dopo con Cabella, il quale profitta di una lettura errata in difesa dell’autore dell’1-0 e non lascia scampo ad Aresti superato dalla sfera calciata col destro sul primo palo. Match intenso tra le due contendenti, con qualche scaramuccia in campo, ma nulla di problematico. Al 44’, sugli sviluppi di una punizione battuta da Cavalli, la Corsica sfiora il secondo gol.

Al rientro in campo Mereu lascia negli spogliatoi sei giocatori, Pani, Virdis, Mancosu, Molino, Cabeccia e Aresti, affidandosi a Bianchi, Congiu, Ruzittu, Cocco, Spano e Giorico. Al 7’ imbeccata di Santelli per l’accorrente Mandrichi, Congiu è fondamentale e la Natzionale Sarda respira. Al 13’ il direttore di gara non concede un penalty ai sardi per un fallo subito Cocco, mentre un minuto dopo la Corsica va vicinissima al 2-1: Santelli suggerisce per Mandrichi, che sciupa incredibilmente di testa davanti al portiere di casa. Dall’altra parte sinistro velenoso di Ladu da circa 30 metri, sfera alta di un non nulla. Tre minuti dopo ancora sfortunato Ladu. Al 23’ Ruzzittu evita la rete con una super parata su Cabella. Ancora qualche accenno di rissa prima che (32’) Cocco sfiori il 2-1 con un una bella conclusione, che trova Penneteau alla decisiva respinta in angolo. Sulla battuta Sirigu manda fuori. Al 37’ altra chance non concretizzata per la Corsica, con il solito Cabeccia.

SEQUENZA RIGORI. Le due squadre si giocheranno la vittoria dagli undici metri. Cavalli gol, Emerson parato, Penneteau gol, Ladu parato, Koulibaly gol, Bianchi gol. Boccognano gol. Finale 4-1 ai rigori

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "#giuliniout"

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "La storia,in generale,dovrebbe fare riflettere. chi comanda tende a fare fare la guerra agli altri..e gli altri..ci cascano.napoleone quando gli..."

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "e allora se voleva retrocedere continuiamo a difendere questo incapace e vediamo dove andiamo a finire!"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News