Resta in contatto

News

Il Sassuolo torna alla vittoria battendo 4-0 nel posticipo la cenerentola Chievo Verona

Fin da subito sotto una pioggia battente l’undici di De Zerbi ha aggredito gli avversari. Serataccia anche per Giaccherini: rete annullata e rigore fallito

Il Sassuolo regola senza problemi un Chievo Verona ormai retrocesso (manca solo la matematica) con rotondo 4-0. Tre punti che fanno respirare gli emiliani, i quali in un sol colpo, scavalcano Genoa, Cagliari e Parma, ferme a quota 33 e tutte battute in questo trentesimo turno, oltre a riallungare sulla Spal.

GOL A FREDDO E RADDOPPIO AL 45’. Sotto la pioggia del Mapei Stadium la squadra di De Zerbi passa al 4’ con Demiral, che stacca in modo perfetto di testa il gran cross di Lirola, sovrastando Stepinski. Grande reazione dei veneti con Consigli che salva la sua rete, con una grande parata di Leris, con palla in angolo. Sugli sviluppi altro super intervento del portiere di casa, stavolta sul colpo di testa di Giaccherini. Che al 9’ si vede annullata la rete del pareggio dall’esordiente arbitro Maggioni, il quale prima convalida e successivamente annulla per il precedente fallo di Barba su Bourabia. Col passare dei minuti le occasioni per il vantaggio dei padroni di casa non mancano. Il 2-1 arriva al 45’ con la doppietta di Demiral. Il quale sfugge alla marcatura di Hetemaj e supera con un altro stacco di testa, un attento ma sfortunato Sorrentino.

LOCATELLI E BERARDI. Nel secondo tempo, con la pioggia che non smette di cessare, il Sassuolo cala il tris al 2’, con l’ex Milan che insacca col destro, dopo aver fallito uno stop. Da segnalare la devastante azione di Lirola, il migliore in campo della gara, che dal fondo regala una gran palla al compagno di squadra. Al 12’ poker nero verde, con Sorrentino ancora una volta battuto. Stavolta la rete la sigla Berardi che insacca la sfera, ricevuta da Babacar, la sfera facendola passare sotto le gambe di Cesar, sfortunato perché al 16’ (sugli sviluppi di una punizione) segna un gol vano, annullato infatti per fuorigioco, anche dopo un accurato controllo delle immagini al Var. Al 35’ Boga fallisce il quinto gol, con il pallone che attraversa tutta la tutta la linea di porta e grazia il Chievo, che fallisce anche il gol della bandiera al 44’ con un rigore che Consigli para in presa a terra a Giaccherini.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News