Resta in contatto

News

Il Milan vince 2-1 al Bentegodi sul Chievo e si conferma terza forza della Serie A

Per gli uomini di Gattuso, espulso nel primo tempo, non è stato facile avere la meglio della cenerentola del campionato. Reti decisive di Biglia e Piatek

Il Milan si conferma al terzo posto in classifica, in attesa delle gare di Inter, Lazio e Roma, imponendosi 2-1 in casa di un Chievo Verona ultimo e quasi in B, ma mai deciso a mollare come fa in ogni partita, nonostante il netto divario tecnico.

BOTTA E RISPOSTA. Partita tattica e senza emozioni al Bentegodi nei primi 15’ fino alla conclusione di potenza ma decentrata da parte di Kessiè, che non supera un attento Sorrentino, i quale non può nulla (nonostante avesse preparato con cura) sulla punizione siglata da Biglia, concessa per fallo di Leris per fallo su Paquetà al 31’, grazie ad destro a giro che supera la barriera e va a morire sotto l’incrocio dei pali. Battibecco tra Meggiorini e Gattuso, con il tecnico rossonero che viene espulso dall’arbitro Pairetto al 35’.  Il Chievo Verona, nonostante l’ultimo posto in classifica, se la gioca e al 41’ perviene al pareggio con la prima rete in stagione di Hetemaj, lesto a insaccare di testa e beffare col pallone che si insacca all’angolino, Donnarumma dopo aver agganciato un bel traversone da parte di Leris. Gol dei veneti che arriva dopo 426’ di astinenza.

PIATEK. Galvanizzato dalla rete Hetemaj fa partire una palla velenosa a giro, che costringe alla respinta col braccio al 5’ della ripresa, con palla successivamente non sfruttata da Meggiorini, soprattutto per il provvidenziale intervento di Musacchio.  Milan avanti al 12’ con il polacco, che batte Sorrentino in scivolata. Protesta la squadra di Di Carlo per un fallo dell’attaccante su Depaoli prima della siglatura, ma il direttore di gara conferma la rete dopo aver sentito i colleghi al Var, senza andare personalmente a visionare le immagini.

Riandato in vantaggio l’undici rossonero cerca di mettere in difficoltà i padroni di casa, andando alla ricerca del terzo gol (sfiorato con un bel colpo di tacco di Romagnoli al 45’ e al 47’ da Calhanoglu) che mettere al sicuro il risultato, ma il punteggio non cambia e i tre punti arrivano lo stesso.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "ha solo seguito gli ordini del presidente: RETROCEDERE"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News