cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Maran: “Ripartiamo dall’immagine del gol di Sau per caricarci”

L’allenatore del Cagliari parla in conferenza stampa alla vigilia della difficilissima sfida contro il Napoli di Carlo Ancelotti

CERCARE L’IMPRESA. Il Napoli è ferito ma allo stesso tempo infuriato. L’eliminazione dalla Champions League scotta e il Cagliari è il primo ostacolo verso la vendetta. I rossoblù però sanno che per loro nulla è impossibile, soprattutto dopo l’impresa di sabato scorso. Il mister e i suoi ragazzi cercheranno di ripetersi, ma dovranno fare i conti con alcune assenze pesanti, su tutti Leonardo Pavoletti. Ecco le parole del tecnico Rolando Maran dalla sala stampa del centro sportivo di Asseminello.

LA GARA.Mancheranno Castro, Lykogiannis e Pavoletti. Bisogna ripartire dall’immagine del gol di Sau, perché per riuscire a fare cose importanti dobbiamo voler rivivere quel momento. Dovremo essere più che perfetti”.

IONITA.Questi giorni Ionita si è allenato ma valuterò all’ultimo. Faragò mi da garanzie in tutti i ruoli, l’essere duttile è il suo vantaggio“.

I PAREGGI.Questa capacità di rimanere in partita superando momenti di difficoltà è un valore aggiunto. Sicuramente abbiamo sbagliato qualcosa nelle partite, ma abbiamo dimostrato carattere. Gli approcci sono stati sempre positivi e dovremo essere bravi ad alzare l’attenzione prima di subire il gol“.

CORAGGIO.Non è dato dal numero di giocatori offensivi schierati, ma è questione di mentalità. Mentre col Frosinone nel primo tempo avremmo dovuto fare nettamente meglio, con la Roma abbiamo fatto quello che dovevamo anche se ci siamo trovati una squadra forte. Infatti con i giallorossi non mi sono arrabbiato con i ragazzi all’intervallo“.

GOL RIGENERANTI.Per un attaccante segnare è fondamentale. È stato un bel vedere sia per me che per Farias, Cerri e Sau. Dobbiamo focalizzare l’immagine del gol di Sau perché dobbiamo sempre essere consapevoli di quello che vogliamo. Per domani voglio ancora ragionare sugli aspetti fisici e mentali prima di scegliere l’attacco da schierare“.

PAJAC E BRADARIC.Si è guadagnato il campo con il lavoro. Sta migliorando e deve migliorare ancora su certi aspetti. Parte alla pari con gli altri. Bradaric? Con la Roma ha fatto bene, è ingeneroso definirlo in calo“.

SARRI E ANCELOTTI.Fare paragoni è ingeneroso. Entrambe le formazioni sono imprevedibili e questa è la forza del Napoli da anni“.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'ultimo blitz esterno fu il 19 aprile 2014 con il 2-1 per la rete di...
Al CRAI Sport Center è proseguita la preparazione dei rossoblù verso la gara di lunedì...
A parte la designazione di Genoa-Cagliari, scopriamo tutti gli staff arbitrali della trentaquattresima giornata di...

Dal Network

Le parole del CT della nazionale italiana campione del mondo nel 2006 in vista del...
Quest’oggi, si è svolta la presentazione ufficiale del nuovo allenatore dell’Udinese. Tanti i temi toccati...

Altre notizie

Calcio Casteddu