Resta in contatto

Approfondimenti

È un Cagliari da battaglia, ma là davanti qualcosa ancora non torna

I meccanismi della squadra di Maran iniziano a funzionare, ma c’è da rivedere qualcosa nella fase offensiva. E la solitudine di Pavoletti non aiuta

Un Cagliari da battaglia, anche contro le grandi. Sembra questa l’inversione di tendenza più evidente apparsa ai più domenica sera alla Sardegna Arena. Contro il Milan, i rossoblù di Rolando Maran hanno finalmente messo in campo una cattiveria agonistica quasi sconosciuta ai frequentatori dell’Arena, che tante volte durante la scorsa stagione sono dovuti tornare a casa a testa china.

UN MECCANISMO CHE FUNZIONA. La squadra è apparsa precisa, avendo bene in mente i compiti da svolgere in ogni momento della gara. L’avvio fulminante che ha letteralmente stordito i rossoneri avrebbe potuto essere anche più letale se solo fossero state concretizzate le ottime occasioni avute.

QUALCOSA NON TORNA. E qui arriva l’unico tasto dolente della serata. E sì, perché è stato quasi un peccato non aver potuto finalizzare al meglio la buona vena e l’impianto di gioco messo in moto da Maran: Pavoletti ha corso tanto, forse troppo per un attaccante che non ha trovato la giusta spalla per mettere dentro quei palloni che avrebbero potuto regalare al Cagliari l’intera posta in palio. Farias ci ha messo tanta buona volontà, ma i risultati non sono stati soddisfacenti.

IL RAMMARICO. L’ingresso di Sau là davanti non ha migliorato la situazione. Anzi, le sue giocate macchinose che gli hanno fatto perdere palla in almeno un paio di occasioni estremamente favorevoli non hanno fatto altro che far rimpiangere l’assenza di Han, anche quest’anno ceduto in prestito troppo a cuor leggero. I meccanismi della squadra sembrano funzionare, ma per quel che riguarda la fase offensiva e il capovolgimento dell’azione c’è quasi la sensazione di trovarsi ogni volta di fronte a un imbuto.

Probabilmente, ancora una volta, la presenza in rosa di una seconda punta di movimento in grado di dialogare con Pavoletti sarebbe stata tutt’altro che una cattiva idea.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Si vergogni sindaco e amministrazione di cagliari che fanno giocare la squadra ds 17 anni in uno stadio prefabbricato"

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti