Resta in contatto

News

Under 21 battuta 3-2 in Portogallo: per Barella stiramento inguinale

Italia ko a Estoril in un test in avvicinamento all’europeo del prossimo anno organizzato dalla nostra nazione assieme alla Repubblica di San Marino

Non felice il rientro di Gigi Di Biagio sulla panchina della nazionale Under 21 nel test in preparazione a Euro 2019, in casa del Portogallo, impostosi 3-2. Non positiva la prova del difensore del Cagliari Filippo Romagna, ammonito invece il centrocampista Nicolò Barella autore comunque di una bella partita con vari guizzi per i compagni, uscito per uno stiramento inguinale al 40’ per far posto a Brignola.

AZZURRINI IN PRESSING MA LUSITANI IN GOL. Appena 1’ di gioco e arriva l’occasione del vantaggio con Verdi il quale, servito da Cutrone, calcia a rete di prima intenzione col piatto sinistro a incrociare, respinto in uscita bassa dall’estremo difensore avversario Pereira col piede destro. Al 12’ dormita clamorosa di tutta la difesa, in particolare con Calabria che non chiude la fascia destra dove c’è Gonçalves, che stoppa la sfera si gira e serve al centro area Jota, il quale insacca col destro dove Scuffet non può arrivare.

Il raddoppio del Portogallo arriva al 20’. E nasce da una scivolata di Calabria che regala una prateria ancora a Gonçalves, imbeccata ancora per Jota che (agevolato da una deviazione involontaria di Mancini) liberissimo in area, supera ancora il portiere italiano.

ITALIA E PORTOGALLO IN RETE. Partita comunque intensa e riaperta al 28’ da Parigini, che insacca dopo essersi fatto trovare pronto sull’errore di Fonseca sul filtrante di Verde che non aggancia Cutrone. Poco male perché la palla entra nel sacco all’angolino basso. Il gol però non carica gli azzurrini, che appaiono stanchi a livello mentale (come se a campionato finito sia stata staccata la spina) e subiscono il 3-1 prima dell’intervallo. Tutto nasce purtroppo da un brutto errore di Romagna, che si fa rubare palla sulla destra da Xadas e mette in mezzo per Gonçalves, il quale da due passi non sbaglia bersaglio.

MOMENTO DIFFICILE DEGLI AZZURRINI. Anche in avvio di ripresa la musica non cambia. Infatti al 3’ per poco Barella (ammonito al 10’ per fallo tattico) e compagni, non rimediano il quarto gol con la botta di João Félix, che trova la deviazione in angolo di Scuffet. 11’: Tavarez, servito centralmente da João Félix, si trova sbarrata la strada del gol dalla deviazione in angolo del portiere azzurro.

BONAZZOLI RIAPRE IL MATCH SU RIGORE. L’ingresso del baby della Spal in prestito dalla Sampdoria, regala vivacità alla squadra di Di Biagio. E’ lui infatti a procurarsi il rigore al 12’, Servito da Petretta, è falciato in area da Jorge Fernandes, causando l’inevitabile rigore, che lo stesso classe 1997 insacca: 3-2.

BARELLA SI INFORTUNA. La rete galvanizza l’Italia, che al 17’ sfiora il 3-3 con un grande azione conclusa con un tiro di Capone, servito da Parigini, di poco al lato della porta avversaria. Doppia chance per il 3-3 nel giro di 3’. Al 28’ Murgia, su cross dalla destra, colpisce di testa costringendo Costa alla deviazione in corner, quindi al 31’ Scamacca recupera un pallone sulla trequarti e serve Bonazzoli, conclusione al volo, però sul fondo.

Al 40’ invece Barella è costretto a uscire per un problema all’inguine, lasciando il posto a Brignola. Nel finale (42’) Scamacca prova la rovesciata da fuori area, mandando il pallone fuori di poco, un minuto dopo dall’altra parte conclusione di Tavares, Scuffet devia in angolo, salvando il 4-2.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News