Resta in contatto

News

Zenga, il gran rifiuto del 2014

Amanti, anche solo per una notte o due. Poi rivali, come nelle migliori delle storie d’amore. Concluse, come in questo caso, con un “no”. E un ciao.

Zenga e il Cagliari, come ricorda L’Unione Sarda, si rincontrano dopo tre anni e mezzo da quel rifiuto con cui l’ex portiere dell’Inter e della Nazionale rispose alle attestazioni di stima del club di Giulini, che aveva appena esonerato il suo prediletto Zeman, a pochi giorni da Natale, e accolse il suggerimento verso l’attuale tecnico del Crotone da parte di Gianfranco Matteoli, allora responsabile del settore giovanile ed ex  di Zenga compagno ai tempi dell’Inter.

Zenga, che allora allenava a Dubai, si fece tentare. Il ritorno in Italia, i favori di un presidente filonerazzurro come Giulini e di un rossoblù d.o.c. come Matteoli. Ma l’Uomo Ragno, quando ormai tutti sembravano convinti, il 26 dicembre, con un messaggio su twitter, declinò l’offerta: “Desidero ringraziare il presidente Tommaso Giulini e il Cagliari per aver pensato alla mia figura come guida tecnica ma, con dispiacere, sono costretto a declinare. Per motivi professionali e personali intendo rimanere a Dubai per dare il mio contributo alla crescita del movimento calcistico in questa parte del mondo“.

Il rifiuto avvenne, confessò poi, perché la sua vita era ormai a Dubai, non più in Italia. I motivi della sua scelta furono la famiglia, la professione e la qualità della vita. Ma Zenga non mancò mai di ringraziare Giulini, tanto da ritenersi “soddisfatto per essere stato contattato da una squadra con grande tradizione e management ambizioso come il Cagliari“.

Il no di Zenga portò, è storia, alla chiamata di Gianfranco Zola sulla panchina rossoblù. Al successivo esonero dell’idolo dei tifosi del Chelsea e della promozione rossoblù, tre mesi dopo, e al Zeman capitolo secondo, conclusosi con le dimissioni in aprile.

Una storia di due amanti, solo per poche notti. Che si rincontrano. Tempi diversi e luoghi diversi. E il solito “chissà come sarebbe andata…”.

 

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News