Resta in contatto

News

Mercato, Serie A. Udinese: via Bajic e Bochniewicz

Ovviamente come la settimana scorsa le trattative e gli affari di questo mercato invernale, sono abbastanza ridotti. Ma non sono mancate alcune operazioni anche se non di primo piano. Come quelle dell’Udinese in uscita: due per la precisione. La prima riguarda Riad Bajic passato all’Istanbul Başakşehir. Il giovane attaccante bosniaco, classe 1994, è stato infatti ceduto in prestito fino al 30 giugno. Saluta anche Pawel Bochniewicz , che si accasa al Górnik Zabrze, squadra al momento terza nella massima serie polacca dietro al Legia Varsavia, e a pari punti con il Lech Poznan. Il giovane difensore polacco, nato a Debica il 30 gennaio 1996, anche in questo caso si è trasferito a titolo temporaneo fino al 30 giugno.

Mercato Roma: il ds Monchi ha fatto il punto sul mercato dei giallorossi, in particolare sulla situazione di Emerson, Dzeko e Nainggolan, profittando della conferenza pre gara Inter-Roma, da parte del tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco: “Sono troppi giorni che la Roma viene descritta come una società in smobilitazione. Ho letto che staremmo cedendo giocatori a loro insaputa. Sono fatti lontani dalla realtà. Se arriveranno offerte concrete sarà mio dovere valutarle, come vengono valutate le mie quando contatto altri direttori sportivi. La Roma non va a caccia di offerte in giro per il mondo e non vuole ridimensionare la rosa. Il nostro obiettivo è sempre lo stesso: rinforzare la squadra. Un ds è sempre contento quando i nomi dei calciatori che sta seguendo non escono sui giornali. Ma non pensate che stiamo dormendo”.

Dalla Roma (che ha ceduto l’attaccante classe 1997 Edoardo Soleri, attaccante, all’Almeria) al Napoli, che prepara un nuovo assalto a Amin Younes, esterno classe ’93 dell’Ajax. Il club partenopeo ha già un accordo per giugno, ma cercherà di anticipare il trasferimento e portarlo entro il 31 in azzurro. Bisognerà però trovare però l’accordo con il club olandese, che per ora non sembra voler accettare questa opzione. Sembrerebbe essersi arenata la trattativa con il Borussia Dortmund per Duvan Zapata. Infatti i tedeschi spingono sulla formula del prestito, che però non convince i blucerchiati, che lo lascerebbero partire solo per un’offerta superiore ai 40 milioni. Mazinho, padre-agente di Rafinha, ha parlato a Globoesporte dell’operazione che porterà il centrocampista all’Inter: “Il suo obiettivo è semplicemente quello di giocare. Questo nel Barcellona di ora è molto difficile, c’è sempre molta concorrenza. Ha avuto la sfortuna di avere un infortunio al ginocchio negli ultimi due anni, ma ora vuole giocare e sentirsi felice facendo quello che ama in un grande club come l’Inter. Vuole sfruttare questa opportunità per essere convocato ai Mondiali del 2018. Rafinha ha un contratto col Barcellona fino al 2020, faremo un pre-contratto con l’Inter fino al 2021: sono tre anni in più rispetto all’accordo, se l’Inter dovesse decidere di esercitare l’opzione di acquisto”.

Nel frattempo, secondo la Gazzetta dello Sport uno dei primi nomi in cima alla lista dell’Inter è quello di Ramires, ma in questo senso c’è pessimismo in casa nerazzurra. Un altro nome valutato è quello di Godfred Donsah del Bologna, che potrebbe arrivare in un’operazione che coinvolgerebbe anche Pinamonti (che comunque potrebbe arrivare al Cagliari). Piacciono anche Yves Bissouma, centrocampista del Lille, così come Thomas Partey dell’Atletico Madrid. Intanto Luciano Spalletti conferma la permanenza di Cancelo, almeno fino al termine della stagione. Queste le sue parole in conferenza stampa: “Resta con noi perché lui vuole rimanere. I direttori decidono sul suo futuro, come successo con Kondogbia.

Cagliari nelle attenzioni del Parma (che nonostante la sconfitta nel finale di gara in casa della Cremonese) crede fortemente di giocarsi la Serie A, magari attraverso i play-off, continua a lavorare sul mercato e al momento la trattativa più calda è quella di Niccolò Giannetti. L’offerta ufficiale è arrivata sul tavolo del presidente rossoblù Tommaso Giulini nei giorni scorsi. Ora i contatti tra le due squadre si stanno intensificando, a breve si potrebbe chiudere. Su Giannetti c’è comunque sempre il Chievo Verona. Il ds della Fiorentina Pantaleo Corvino è stato allo Zini di Cremona per visionare Cavion, uno dei giocatori di punta dei lombardi di Attilio Tesser.

Gennaro Gattuso conferma la sua volontà di trattenere a tutti i costi Manuel Locatelli. Queste le sue parole in conferenza stampa: “Deve rimanere qui: l’ho fatto giocare titolare nel derby, per me era una gara da dentro o fuori con l’Inter e lui ha fatto il titolare. Arriverà il suo momento. Deve interpretare meglio il ruolo della mezzala, può farlo per le qualità fisiche e tecniche”. Non solo operazioni in entrata per il Napoli, che sta pensando anche alle cessioni. In particolare sembra ormai agli sgoccioli la trattativa per Nikola Maksimovic con lo Spartak Mosca di Massimo Carrera. Il giocatore e il tecnico si sono già sentiti e la squadra russa sembra aver convinto il difensore. Il nodo resta la formula dell’affare. C’è l’ok del Napoli per il prestito oneroso, ma non per l’obbligo di riscatto. Gli azzurri infatti vorrebbero rivalutare il giocatore dopo i Mondiali.

Daniel Bessa non sarà a disposizione di Fabio Pecchia per la gara di domani, tra Verona e Crotone. Il tecnico dell’Hellas, in conferenza stampa, ha così risposto a chi gli ha chiesto dei rumors di mercato legati al suo centrocampista: “E’ un calciatore importante, la squadra e la società ha investito su di lui. Quest’anno ha inizialmente avuto un rendimento un po’ al di sotto delle sue possibilità, poi è cresciuto. Ora sta lavorando con l’atteggiamento giusto, dispiace non averlo domani. Però si sta allenando bene”, ha detto Pecchia, glissando su una possibile uscita del giocatore. Infine il Torino ha respinto un’offensiva del Celta Vigo per il loto attaccante Lucas Boyè. L’argentino, che piace molto a Walter Mazzarri, rimarrà dunque in granata.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News