Resta in contatto

Approfondimenti

Ventura: dalla promozione al Cagliari al fallimento in Nazionale

Una macchia indelebile, datata lunedì 13 novembre 2017 e chiamata fallimento. Proprio lì dove tutti gli allenatori vorrebbero sedersi, sulla panchina della Nazionale. Allenatore degli allenatori. Gian Piero Ventura, ahimè, si è ieri macchiato di un incredibile insuccesso che ne segnerà la carriera e lo accompagnerà per tutta la vita.

Ventura verrà ricordato per aver fallito una qualificazione ai mondiali, una disfatta che l’ultima volta era datata 1958. A Cagliari, tuttavia, i suoi ricordi saranno agrodolci.

La sua carriera da allenatore comincia con la squadra in cui è cresciuto anche da calciatore: alla Sampdoria è prima allenatore delle giovanili, poi vice della prima squadra. Poi Albenga, Rapallo, Entella Bacezza, Spezia, Cantese e la prima grande esperienza alla Pistoiese. E ancora in giro per l’Italia sulle panchine di Giarre e Venezia (dapprima come vice), fino al miracolo a Lecce: con la guida di Ventura i salentini salgono dalla C1 alla B e dalla B alla A.

Nel frattempo il Cagliari affrontava la delusione della retrocessione in B del 1997, a seguito del tragico spareggio di Napoli contro il Piacenza. Massimo Cellino non si lascia sfuggire l’occasione e lo chiama per riportare in Serie A il Cagliari. Missione compiuta già al primo anno (3° posto) grazie ai gol di Roberto Muzzi. Il secondo in rossoblù è quello dell’esordio del tecnico genovese in A, in cui raggiunge una salvezza tranquilla con un campionato da 11 vittorie, 8 pareggi, 15 sconfitte e dodicesimo posto in classifica, con cui terminerà la sua prima esperienza a Cagliari.

Dopo le avventure con Sampdoria e Udinese, non altrettante ricche di soddisfazioni, Ventura nel 2002 torna al Cagliari, nel frattempo sprofondato nuovamente in B e dove prende il posto dell’esonerato Nedo Sonetti. Dopo una stagione di transizione in cui i rossoblù terminano all’ottavo posto, in Sardegna nel 2003-2004 arrivano Gianfranco Zola e Gianluca Festa, che guideranno il Cagliari alla promozione in A. Senza Ventura però, esonerato alla sedicesima giornata quando i sardi si trovavano all’ottavo posto in classifica.

Napoli, Messina e Verona sono esperienze non fortunatissime, ma Ventura si riprende al Pisa e poi definitivamente con il Bari, che nella stagione 2009-2010 sarà portato dall’ex Cagliari al record di punti in A (50). Le difficoltà del secondo anno (e le conseguenti dimissioni) non gli impediscono di guadagnare la fiducia di Urbano Cairo, che lo sceglie per il suo Torino. Ventura guiderà i granata per cinque anni, raggiungendo prima la promozione in A, poi la salvezza e la qualificazione in Europa League, dove arriverà fino agli ottavi.

Ieri, una sconfitta negli spareggi mondiali che ne macchierà la carriera, cominciata a nel palcoscenico della A proprio a Cagliari, dove i ricordi saranno sempre agrodolci verso il ct.

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti