Resta in contatto

Rubriche

AMARCORD – Quando Mazzone tuonò: “Presidente non voglio Weah”

Correva l’estate 1992 e Massimo Cellino aveva appena rilevato il sodalizio rossoblù dalla famiglia Orrù. Senza perdere un solo istante l’imprenditore di Sanluri si tuffa nel calcio mercato per allestire una squadra competitiva e dal Principato di Monaco pesca un attaccante della Liberia, ma che già da qualche anno sta facendo parlare di sé nel campionato transalpino: George Weah.

Cellino non sta più nella pelle e si precipita in macchina verso Milano con i suoi collaboratori  per depositare il contratto del suo nuovo centravanti e dopo aver persino informato la stampa sarda del clamoroso colpo di mercato rossoblù. Ma giunto ad appena trenta chilometri dal capoluogo meneghino squilla il telefono e nel display appare un noto prefisso, vale a dire 070. Il buon Massimo rispose ed ecco che dall’altra parte della “cornetta” arriva in maniera decisamente udibile l’inconfondibile accento romanaccio di Carletto Mazzone, allenatore del Cagliari: “Aooooo’…a preside’, ma che mi sta a combina’! Chi è sto Weah? A me non piace e non lo voglio. Se lo compra io non lo faccio gioca’ “. Il neo presidente lo ascoltò e fece saltare l’accordo.

Oggi Sor Carletto ha compiuto la bellezza di 80 anni, quasi tutti praticamente passati nel calcio, prima come arcigno difensore centrale, poi come grintoso allenatore che lo ha portato sulle panchine di mezza Italia, tra cui la sua amata Roma. Due avventure con il Cagliari, il biennio 91/93 in cui collezionò una salvezza ed una clamorosa qualificazione alla Coppa UEFA, e la stagione 96/97, dove subentrò a Gregorio Perez, ma non riuscì ad evitare la retrocessione in Serie B dopo lo spareggio di Napoli contro il Piacenza. Un grande esempio di professionalità, un grande insegnante di calcio e dei valori morali in parte persi nel mondo d’oggi.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ulm Kirsten fu praticamente acquistato da famiglia Orrù nell estate del 1990, appena ottenuta la promozione in serie A. Poi il giocatore rinunciò dopo un’improvvisa chiamata del Borussia Dortmund

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ricordo che nello stesso anno voleva prendere Ulf Kirsten ma per un infortunio non se ne fece nulla

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "era un commento all 'altro articolo sul Carbonia di Caddeo"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche